Non più tardi di 10 giorni la scozzese Susie Wolff è stata inserita all’interno del Development Driver Programme da parte della Williams, aggiungendo quindi un ulteriore tocco femminile al Circus dopo che nel mese di febbraio la Marussia ha nominato Maria de Villota come pilota di riserva. La 29enne, ben conosciuta nel mondo della DTM, ha lo possibilità dunque di arrivare all’apice dell’automobilismo mondiale con questa opportunità giunta dal team britannico.

Dopo qualche giorno, la diretta interessata è tornata sulla firma di questo accordo: “Il contratto è stato per prima cosa messo sul tavolo nel corso dell’inverno – ha svelato – È stato molto importante per me che questa occasione in Formula 1 fosse quella adatta; non poteva essere una trovata mediatica. Questa è una giusta chance ed il mio ruolo alla Williams è complementare ai miei impegni in DTM con la Mercedes Benz. Ho già iniziato a lavorare al simulatore a Grove e faremo i due test sul rettilineo ed uno in pista più avanti nel corso dell’anno, il che mi darà la possibilità di vedere quel che potrò fare”.

Poi la Wolff ha spiegato più nel dettaglio i suoi programmi: “La scuderia ha già Valtteri Bottas come terzo pilota e l’attenzione è di rimanere molto vicini a quel tipo di programma – ha spiegato in seguito – Tuttavia questo non è un accordo a breve termine con la Williams ed uno Young Driver Test è un qualcosa che potrebbe accadere in futuro. Non sarò presente a tutti i weekend di gara. Non sarò in Bahrain questo fine settimana, per esempio, perché sarà la presentazione del DTM a Wiesbaden. Ma non ci sono altri accavallamenti fra i calendari del DTM e della Formula 1, quindi potrò venire a molte corse europee”.

Infine la tedesca ha parlato della preparazione fisica richiesta e di quanto potrà competere con queste vetture: “Le donne hanno il 30% in meno di muscoli rispetto agli uomini, quindi ci sono delle differenze che non si possono certamente nascondere – ha riferito in conclusione – Comunque non farei tutto questo se pensassi di non poter competere allo stesso livello dei colleghi maschi. Il mondo dei motori è duro ed è uno dei soli tre sport nei quali le donne vanno a competere in egual misura ai ragazzi; gli altri sono la vela e l’equitazione”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Non più tardi di 10 giorni la scozzese Susie Wolff è stata inserita all’interno del Development Driver Programme da parte […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/f1-210412-wolff.jpg Susie Wolff parla dell’accordo con la Williams: “Messo sul tavolo nell’inverno”