Stefano Domenicali è il primo a sapere che il weekend australiano della Ferrari è stato fin al di sotto delle aspettative, già abbastanza negative, che si erano paventate all’interno della scuderia di Maranello. Dopo un sabato assolutamente disastroso, la Ferrari è riuscita a comportarsi un po’ meglio in corsa, ma il 5° posto di Fernando Alonso rappresenta una magra consolazione dinanzi ad una prestazione negativa.

Il Team Principal analizza punto per punto la domenica vissuta, a cominciare dall’andamento dei piloti: “È chiaro che non possiamo certo essere contenti per un quinto posto ma, per come si erano messe le cose ieri, quello di Fernando è un risultato positivo, frutto soprattutto dell’ennesima ottima prestazione del pilota spagnolo – ha ammesso ai giornalisti – La brutta domenica di Felipe è figlia del sabato che l’ha preceduta: il bilanciamento della vettura non era a posto e lui l’ha pagato soprattutto in termini di degrado degli pneumatici: peccato perché una bellissima partenza gli aveva permesso di entrare subito nei primi dieci”.

La corsa comunque, secondo Domenicali, ha evidenziato comunque valori un po’ diversi rispetto alle qualifiche: “Sappiamo che la vettura di questo weekend non è quella che volevamo alla vigilia di questa stagione ma oggi abbiamo visto anche una situazione un po’ diversa rispetto a quella di ieri, soprattutto per quanto riguarda Fernando che, nella prima parte, non aveva certamente un passo così distante dai primi – ha puntualizzato in seguito – La safety-car non ci ha dato una mano e dopo la fine della neutralizzazione il passo di Fernando non era più altrettanto competitivo e ha sofferto per tenersi dietro la Williams di Maldonado”.

Domenicali è poi passato alla squadra, analizzando un aspetto al quale ci tiene molto: “Vorrei sottolineare il rendimento della squadra nei pit-stop: dati alla mano, siamo stati i più veloci sia come prestazione assoluta che come media – ha messo in evidenza successivamente – Ci tengo a dirlo perché abbiamo lavorato tantissimo su questo fronte: già nella seconda parte del 2011 la situazione era migliorata e oggi abbiamo fatto ancora un passo avanti”.

Tuttavia ora è necessario lavorare sodo per cercare di colmare il gap dal vertice: “Sappiamo che dobbiamo alzare il livello di prestazione della vettura: per quello che si è visto qui in Australia ci sono tante squadre a poca distanza l’una dall’altra e basta un progresso anche non enorme per guadagnare diverse posizioni. Sappiamo quali sono le aree principali su cui dobbiamo lavorare, trazione e velocità di punta in primis, e dobbiamo accelerare al massimo lo sviluppo per portarci il più presto possibile all’altezza dei migliori”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Stefano Domenicali è il primo a sapere che il weekend australiano della Ferrari è stato fin al di sotto delle […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-180312-domenicali.jpg Stefano Domenicali onesto sulla prestazione della Ferrari: “Dobbiamo migliorare”