Forse alla vigilia ci si sarebbe potuti aspettare qualcosa in più, ma al termine del Gran Premio d’Ungheria la Ferrari torna a casa con il 3° posto di Fernando Alonso ed il 6° di Felipe Massa. Nonostante lo spagnolo abbia agguantato il quarto podio consecutivo, probabilmente nella scuderia di Maranello le attese erano superiori, però le condizioni del tempo più fredde del previsto hanno complicato i piani.

Lo stesso Stefano Domenicali, direttore della sezione sportiva Ferrari, è soddisfatto: “Tutto considerato, possiamo essere abbastanza soddisfatti di come sono andate le cose – ha detto dopo la corsa – Certo, alla vigilia magari speravamo di raccogliere qualcosa in più ma sembra che questo sia il mese di luglio più piovoso della storia della Formula 1! Non so se sia davvero così ma è un fatto che nelle ultime tre gare abbiamo sempre avuto le condizioni peggiori per noi”.

Dunque fra gli uomini in Rosso non si è perso il buonumore delle ultime settimane: “È stata una gara caratterizzata da episodi che, nel bene e nel male, hanno fatto la differenza quindi essere in ogni caso riusciti a salire sul podio in queste circostanze è comunque positivo: il bicchiere va visto mezzo pieno – ha proseguito Domenicali – Resto convinto e fiducioso che, dopo la pausa estiva, avremo tutte le possibilità di toglierci delle belle soddisfazioni”.

Infine Domenicali ha messo in evidenza come l’impegno profuso dal team sarà sempre il massimo possibile: “Il campionato sarebbe apertissimo se non ci fosse Vettel ma noi continueremo a lottare fino a che l’aritmetica ce ne darà la possibilità – ha aggiunto in conclusione – Ora spingiamo a fondo la prossima settimana prima della pausa estiva per preparare nella maniera migliore il Gran Premio del Belgio”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Forse alla vigilia ci si sarebbe potuti aspettare qualcosa in più, ma al termine del Gran Premio d’Ungheria la Ferrari […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/f1-010811-domenicali-ungheria.jpg Stefano Domenicali: “Continueremo a lottare sino alla fine”