La Ferrari completerà il ritorno dalla doppia trasferta in Cina e Bahrain nel corso della serata, con la tristezza nel cuore di molti per la morte improvvisa del 32enne Matteo Vignali, addetto nel reparto Cambi. Domani gli uomini della scuderia saranno a Sestola per commemorarlo in occasione del suo funerale, ma subito dopo tutti torneranno ai propri posti per ripartire coi lavori di sviluppo, nel tentativo da parte della Ferrari di recuperare il gap dalle altre scuderie.

Dopo le prime corse extraeuropee è arrivata dunque l’analisi di Stefano Domenicali, Team Principal della scuderia: “Un primo ciclo di 4 gare si è chiuso ieri e si potrebbe anche fare un primissimo bilancio – ha detto – È chiaro che non possiamo essere contenti di questo inizio di stagione ma, dopo i test invernali, sapevamo che le prime 4 gare sarebbero state molto dure. Siamo riusciti a limitare i danni, soprattutto nel campionato Piloti, dove Fernando Alonso è al 5° posto a sole 10 lunghezze di ritardo dalla vetta. È altrettanto chiaro però che ora dobbiamo fare un cambio di marcia, sin dalla prossima gara. I nostri tecnici lo sanno bene e stanno lavorando giorno e notte per dare ai nostri piloti una vettura ben più competitiva di quella che abbiamo visto in pista nelle prime 4 gare”.

Dopo il successo di Alonso in Malesia nessuno si era montato assolutamente la testa: “In entrambe le successive gare Fernando ha dato il massimo ed è riuscito a tirare fuori il potenziale della vettura – ha continuato Domenicali nella disamina – La squadra ha lavorato bene: onestamente se, alla partenza per Melbourne, ci avessero detto che la stagione europea sarebbe cominciata con un nostro pilota in questa posizione di classifica avrei fatto fatica a crederci. Anche Felipe (Massa, ndr) ha reagito positivamente alle difficoltà iniziali e sono sicuro che il fatto di essere finalmente riuscito a cancellare lo 0 nella casella dei punti gli darà fiducia per le prossime gare”.

Queste settimane coincideranno con un’altra pausa prima delle successive corse, ma saranno decisive per l’andamento della stagione: “Ora ci aspettano delle giornate importanti, in cui l’obiettivo primario sarà quello di spingere al massimo sullo sviluppo della monoposto: la settimana prossima ci sono 3 giorni di test al Mugello ma non è detto che tutti gli aggiornamenti previsti per Barcellona si vedranno in quell’occasione – ha spiegato infine Domenicali – Dobbiamo cercare di sfruttare ogni minuto a disposizione per incrementare la prestazione della F2012”.


Stop&Go Communcation

La Ferrari completerà il ritorno dalla doppia trasferta in Cina e Bahrain nel corso della serata, con la tristezza nel […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/f1-240412-domenicali.jpg Stefano Domenicali analizza le prime 4 gare: “Abbiamo limitato i danni”