Pole di Hamilton, seconda posizione di Rosberg, e prima monopolizzata dalla Mercedes a Spielberg: tutto secondo copione, sembrerebbe, e invece il finale thrilling della Q3 ha chiuso degnamente una sessione di qualifica spettacolare in vista del Gran Premio d’Austria.

La tanto attesa pioggia, che aveva molto condizionato il finale delle ultime prove libere, non è mai arrivata: ma a movimentare lo show ci hanno pensato l’errore clamoroso del muretto Ferrari, che ha relegato Raikkonen in diciassettesima posizione, e i due ultimi tentativi per la pole di Hamilton e Rosberg, finiti entrambi con uno spettacolare fuoripista.

Hamilton, che aveva già segnato il primo tempo, ha chiuso il Q3 con uno spettacolare testacoda alla prima curva dopo aver pizzicato l’erba bagnata in frenata; Rosberg, a due curve dal traguardo, è invece finito dritto nella via di fuga dopo un improvviso sovrasterzo pochi secondi dopo quello che era successo al compagno di squadra, lasciandosi così sfuggire l’occasione di strappargli la pole position.

Neanche Vettel, che pure nel finale si è avvicinato alle frecce d’argento, non è riuscito ad approfittare del doppio stop finale della Mercedes: il ferrarista è rimasto terzo, mettendosi al sicuro dalle Williams di Massa e Bottas, separate da un Nico Hulkenberg sempre in grandissima forma, e domani quinto.

Ancora un buon risultato in qualifica per la Toro Rosso, che piazza Verstappen settimo (dopo le ottime prestazioni sotto la pioggia della mattinata), davanti alla casa madre con Kvyat ottavo, davanti a Nasr e Grosjean.

Il francese ha messo fuori dalla Top 10 proprio il compagno di squadra Maldonado, che ha chiuso la Q2 davanti ad Ericsson, Sainz e Ricciardo, solo quattordicesimo.

Ai margini della seconda manche Fernando Alonso, che subirà venticinque posizioni di arretramento per varie penalità: lo spagnolo quindi partirà ultimo, al fianco del compagno di squadra Button, anche lui arretrato di venticinque posizioni. Per entrambi, quindi, ci sarà necessità di scontare degli stop and go in gara per compensare l’arretramento non “pagato”.

Button ha comunque chiuso la Q1 con il diciassettesimo tempo, dietro a Perez (che differenza con Hulkenberg!) e davanti ad un furioso Kimi Raikkonen.

Chiudono la classifica, ben staccati dal gruppo, i due della Manor con Merhi che batte il compagno di squadra Stevens con un distacco da oltre un secondo.

GP Spielberg, Qualifiche – Classifica:
1. Lewis Hamilton – Mercedes – 1:08.455
2. Nico Rosberg – Mercedes – 1:08.655 – +0.200
3. Sebastian Vettel – Ferrari – 1:08.810 – +0.355
4. Felipe Massa – Williams/Mercedes – 1:09.192 – +0.737
5. Nico Hulkenberg – Force India/Mercedes – 1:09.278 – +0.823
6. Valtteri Bottas – Williams/Mercedes – 1:09.319 – +0.864
7. Max Verstappen – Toro Rosso/Renault – 1:09.612 – +1.157
8. Felipe Nasr – Sauber/Ferrari – 1:09.713 – +1.258
9. Romain Grosjean – Lotus/Mercedes – senza tempo
10. Pastor Maldonado – Lotus/Mercedes – 1:10.374
11. Marcus Ericsson – Sauber/Ferrari – 1:10.426
12. Carlos Sainz – Toro Rosso/Renault – 1:10.465
13. Sergio Perez – Force India/Mercedes – 1:12.522
14. Kimi Raikkonen – Ferrari – 1:12.867
15. Roberto Merhi – Marussia/Ferrari – 1:14.071
16. Will Stevens – Marussia/Ferrari – 1:15.368
17. Daniil Kvyat – Red Bull/Renault – 1:09.694**
18. Daniel Ricciardo – Red Bull/Renault – 1:10.482**
19. Fernando Alonso – McLaren/Honda – 1:10.736**
20. Jenson Button – McLaren/Honda – 1:12.632**

**in corsivo i piloti penalizzati e la loro posizione di partenza

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Pole di Hamilton, seconda posizione di Rosberg, e prima monopolizzata dalla Mercedes a Spielberg: tutto secondo copione, sembrerebbe,..

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/06/aut_2015_qual_hamilton.jpg Spielberg, Qualifiche: La folle prima fila della Mercedes