Fra i piloti più soddisfatti al termine del Gran Premio del Belgio c'è probabilmente Robert Kubica, al miglior risultato stagionale insieme alla BMW Sauber (quinta con Nick Heidfeld). "Sono partito bene e alla prima curva ero secondo, ma sono rimasto sorpreso nel vedere Kimi arrivarmi sotto all'Eau Rouge", ha spiegato il polacco, quinto in griglia. "Alla staccata dopo il Kemmel è andato un po' lungo e per evitare ogni rischio ho frenato forte, pur sfiorandolo leggermente. Ho comunque potuto continuare. Ci è mancata un po' di velocità ma è bello tornare a lottare per il podio. Abbiamo dimostrato di essere di nuovo competitivi ed è un buon viatico per Monza".

Domenica sottotono invece per la McLaren Mercedes. Lewis Hamilton non ha nemmeno completato il primo giro, coinvolto nella carambola alla Curva 5 innescata dal tamponamento di Romain Grosjean ai danni di Jenson Button. "Certe volte quando le cose devono andare male non c'è niente da fare. Oggi è stato proprio così. Sono partito male, alla prima curva ho rovinato l'ala anteriore e alla Curva 5 c'è stato il contatto tra Grosjean e Button. Ho cercato di evitarli ma sono stato colpito a mia volta da un altro corridore (Alguersuari, ndr). Sono deluso, ma il prossimo anno torneremo qui per vincere", afferma il Campione del Mondo in carica. Il bilancio del team anglo-tedesco è parzialmente salvato da Heikki Kovalainen, 15esimo sullo schieramento e sesto al traguardo. "È stata una buona gara per me. Il nostro ritmo non era al livello delle precedenti corse, ma con la strategia siamo riusciti a recuperare terreno sui piloti che mi precedevano. Dobbiamo ancora lavorare per essere competitivi sui circuiti a medio carico, ma a Monza sarà un'altra storia: è un tracciato con downforce minima e dove siamo sempre andati sempre bene".

Lasciano Spa-Francorchamps a mani vuote pure Jarno Trulli e Fernando Alonso. Il pescarese, in prima fila assieme al poleman Giancarlo Fisichella, ha visto subito compromesse le proprie chance di conquistare un piazzamento di rilievo alla guida della sua Toyota. "Non posso dire quanto sia deluso", ammette sconsolato Jarno. "Mi aspettavo davvero un gran risultato, dopo le qualifiche. Alla prima curva ero dietro ad Heidfeld, ma l'ho sfiorato leggermente danneggiando l'anteriore. Non so cosa sia successo, forse ha avuto un problema. Non potevo fare altro che rientrare per un pit-stop. Poi il ritiro, per un guasto ai freni".

"Ho perso la possibilità di andare sul podio, oggi"
, sottolinea invece Alonso. "Ero partito bene facendo qualche sorpasso e la strategia sembrava quella giusta. Non pensavo di poter andare così bene, ma al pit-stop, che ho effettuato quando era terzo, qualcosa non funzionava con la gomma anteriore sinistra. Il team mi ha chiesto di ritirarmi". Il portacolori della Renault non abbassa comunque la guardia. "Monza è fra due settimane, voglio rifarmi della delusione odierna". Ci sarà anche l'annuncio di matrimonio con la Ferrari?

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Fra i piloti più soddisfatti al termine del Gran Premio del Belgio c'è probabilmente Robert Kubica, al miglior risultato stagionale […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-300809-2.jpg Spa – Analisi e interviste 2: Kubica e la BMW Sauber in grande spolvero. Tre punti per la McLaren, delusione per Trulli e Alonso