Fumio Akita, già comproprietario del team Super Aguri, ha ufficialmente smentito le voci che davano la scuderia nipponica, impegnata nel Circus tra il 2006 e il 2008, pronta a rientrare in F.1 nel 2010 usufruendo delle agevolazioni tecniche previste per le squadre intenzionate a rispettare il tetto massimo di spesa fissato dal presidente della Federazione Internazionale Max Mosley in 40 milioni di sterline.   

Non sussistono possibilità di rivedere la Super Aguri al via nel Mondiale 2010 – ha spiegato Akita – anche se non ci trovassimo in un periodo di crisi economica globale, un’operazione del genere non sarebbe alla nostra portata. Il team ha chiuso i battenti perché non possedeva le risorse necessarie per continuare, e se per ipotesi potessimo disporre della cifra richiesta, dovremmo comunque ricominciare da zero”.  

Akita si dice sorpreso per le speculazioni circolate negli ultimi giorni in merito al ritorno in F.1 della Super Aguri: “Davvero non riesco a comprendere dove i giornali abbiano preso queste notizie, dal momento che l’avventura del team nel Circus è ormai acqua passata”. 

La compagine del Sol Levante ha interrotto l’attività dopo il Gran Premio di Spagna edizione 2008, lasciando a piedi Takuma Sato e Anthony Davidson. Al momento a nessuno dei due piloti è stata concessa l’opportunità di continuare la carriera nella massima formula per monoposto, anche se Sato ha svolto nello scorso inverno alcuni test su Toro Rosso. 

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Fumio Akita, già comproprietario del team Super Aguri, ha ufficialmente smentito le voci che davano la scuderia nipponica, impegnata nel […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/superaguri.jpg Smentito il ritorno della Super Aguri nel Mondiale 2010