Un Gran Premio in Vietnam nel futuro del Circus iridato? Secondo quanto dichiarato da Hans Geist, consulente FIA per quanto attiene alla scelta dei tracciati chiamati ad ospitare un week-end di F.1, l’ipotesi è remota anche perché la sua recente visita nel Paese del sud-est asiatico non aveva alcuna intenzione di scatenare illazioni su un eventuale approdo dei bolidi della massima serie in territorio vietnamita.

Il mio lavoro consiste abitualmente nell’informare le parti interessate su tutto ciò che serve per allestire un Gran Premio di F.1 rispettando ovviamente gli standard della Federazione”, ha tagliato corto Geist nella speranza di mettere fine alle voci susseguitesi negli ultimi giorni.

La fulminea visita in Vietnam, quindi, è ben lungi dal trasformarsi in un accordo che potrebbe dare il via alla costruzione di un circuito: “Non posso negare che soltanto il dieci per cento degli incontri con Paesi potenzialmente interessati all’organizzazione di un Gran Premio si traducono poi in qualcosa di concreto. In Vietnam ho raccolto soltanto delle informazioni”.

Il consulente austriaco ha evidenziato che Sudafrica, Bulgaria, Romania e Argentina paiono al momento fermamente intenzionate a valutare il proprio ingresso in F.1 negli anni a venire. Non si può escludere, stando alle parole espresse da Geist, l’allestimento di un secondo Gran Premio in Cina da affiancare a quello di Shanghai, peraltro in attesa di conferma da parte dei delegati FIA a causa di alcune modifiche che dovrebbero riguardare il manto stradale e la zona box.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Un Gran Premio in Vietnam nel futuro del Circus iridato? Secondo quanto dichiarato da Hans Geist, consulente FIA per quanto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1flag.jpg Smentita l’ipotesi di un Gran Premio in Vietnam. Il consulente FIA Hans Geist: “Ho raccolto soltanto alcune informazioni”