Mentre il nuovo layout di Silverstone non sembra avere ancora convinto la maggior parte dei piloti, che nella serata di ieri hanno chiesto e ottenuto la modifica dell’altezza dei cordoli tra Maggotts e Becketts, un sole parzialmente offuscato dalle nuvole ha accolto i concorrenti nella terza sessione di libere, dominata dai colori Red Bull con Sebastian Vettel, già al top nella Practice 1, autore del miglior tempo in 1:30.958 subito davanti al compagno di squadra Mark Webber, distanziato di appena 34 centesimi. Il tedesco della compagine anglo-austriaca ha però vissuto un piccolo dramma personale quando, negli ultimi minuti utili, la sua RB6 ha registrato un cedimento strutturale all’alettone anteriore che, pur non staccandosi, ha costretto il pilota ad una escursione fuori pista salvo poi guadagnare a rilento la pit-lane del circuito.

Detto di Webber, sulla cui vettura i meccanici hanno lavorato alacremente per risolvere il problema elettrico sorto nel pomeriggio di venerdì, al terzo posto si è issato il ferrarista Fernando Alonso, che nei sessanta minuti di prove ha potuto utilizzare la nuova ala anteriore affidata anche al team-mate Felipe Massa. Convince la progressione mostrata dalla Mercedes, con Nico Rosberg buon quarto al termine proprio davanti al brasiliano della Ferrari, mentre Robert Kubica è riuscito nell’impresa di portare la Renault, senza l’ala anteriore provata nei primi due turni di libere, fino alla sesta posizione in graduatoria.

Poco soddisfacente il settimo crono siglato da Lewis Hamilton, protagonista di qualche digressione oltre i cordoli, che ha guidato una McLaren priva degli scarichi ribassati giudicati peraltro non così efficaci dai tecnici della scuderia di Woking, tanto da non volerli impiegare per il resto del week-end. A seguire l’altro alfiere della Mercedes Michael Schumacher, ottavo con un innocuo fuoripista all’attivo, che ha preceduto i sorprendenti Pedro de la Rosa, evidentemente venuto a capo del fastidioso sottosterzo, e Rubens Barrichello, i cui scarichi di ispirazione Red Bull paiono invece funzionare a meraviglia.

Delude almeno per il momento le aspettative della vigilia il campione del mondo in carica Jenson Button, soltanto dodicesimo nella tabella dei tempi, ma comunque davanti a Nico Hulkenberg e Kamui Kobayashi. Un intoppo causato da un probabile guasto al cambio ha rallentato nel finale Adrian Sutil, quindicesimo, con Vitantonio Liuzzi relegato addirittura in diciottesima piazza. Il tedesco della Force India è stato anche autore di una coreografica ‘scodata’ in uscita dalla curva Copse, che non ha certo agevolato il compito al driver nativo di Grafelfing.

Diciannovesimo tempo ad appannaggio di Heikki Kovalainen, sempre puntuale nel tirare le fila tra i nuovi teams, sebbene il suo compagno di scuderia Jarno Trulli abbia patito un guaio di natura idraulica non andando oltre la ventunesima posizione. Sessione tutt’altro che tranquilla per Timo Glock, che nei frangenti iniziali ha accusato un problema all’acceleratore dovendo quindi rientrare ai box per effettuare le riparazioni del caso. A chiudere la classifica il solito Sakon Yamamoto, la cui lontananza dalla concitazione di un week-end di gara si sta forse facendo sentire più del previsto.

Le qualifiche del Gran Premio di Gran Bretagna riceveranno semaforo verde alle ore 13:00 locali (le 14:00 in Italia), con una lotta per la pole position che si preannuncia incandescente.

Classifica

01. Sebastian Vettel – Red Bull Renault – 1:30.958
02. Mark Webber – Red Bull Renault – +0.034
03. Fernando Alonso – Ferrari – +0.143
04. Nico Rosberg – Mercedes – +0.230
05. Felipe Massa – Ferrari – +0.282
06. Robert Kubica – Renault – +0.561
07. Lewis Hamilton – McLaren Mercedes – +0.591
08. Michael Schumacher – Mercedes – +0.597
09. Pedro de la Rosa – Sauber Ferrari – +0.601
10. Rubens Barrichello – Williams Cosworth – +0.623
11. Vitaly Petrov – Renault – +0.740
12. Jenson Button – McLaren Mercedes – +0.745
13. Nico Hulkenberg – Williams Cosworth – +0.909
14. Kamui Kobayashi – Sauber Ferrari – +0.989
15. Adrian Sutil – Force India Mercedes – +1.036
16. Sebastien Buemi – Toro Rosso Ferrari – +1.277
17. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – +1.373
18. Vitantonio Liuzzi – Force India Mercedes – +1.765
19. Heikki Kovalainen – Lotus Cosworth – +3.381
20. Lucas Di Grassi – Virgin Cosworth – +4.521
21. Jarno Trulli – Lotus Cosworth – +5.140
22. Karun Chandhok – HRT Cosworth – +5.328
23. Timo Glock – Virgin Cosworth – +5.682
24. Sakon Yamamoto – HRT Cosworth – +6.220

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Mentre il nuovo layout di Silverstone non sembra avere ancora convinto la maggior parte dei piloti, che nella serata di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/vettel13.jpg Silverstone, Libere 3: Show Red Bull con Vettel 1° e Webber 2°, Alonso (3°) conferma i progressi Ferrari. Massa chiude 5°