Amaro epilogo per il Gran Premio della Malesia disputato da Fernando Alonso. 19° in griglia dopo le deludenti qualifiche di ieri, lo spagnolo aveva rimontato fino alla zona punti nonostante un problema al cambio che l'ha condizionato sin dall'inizio. Ad appena due giri dalla fine, questo problema ha portato alla rottura del motore della sua Ferrari, facendogli perdere la testa del Mondiale.

"La mia corsa è stata subito in salita: ho accusato un malfunzionamento del cambio sin da prima della partenza e ho praticamente guidato senza frizione per tutta la gara. Vedendo quello che era accaduto nei giorni precedenti, era verosimile attendersi la pioggia e così abbiamo allungato il più possibile la prima porzione di gara: purtroppo non è stato così", commenta l'alfiere di Maranello. "Oggi, abbiamo fatto un piccolo regalo alla Red Bull: se avessimo fatto una qualifica normale allora li avremmo certamente messi in difficoltà. Non sono preoccupato per la rottura del motore: i nostri ingegneri hanno sufficiente esperienza e competenza per risolvere questa situazione. Considerato tutto quello che è successo, dobbiamo essere orgogliosi di quello che siamo riusciti a fare in gara e dobbiamo guardare con fiducia al prossimo round, dove cercheremo di vincere".

Grande delusione anche per Michael Schumacher, al primo ko stagionale. Dopo appena 9 tornate il tedesco ha dovuto parcheggiare la sua Mercedes a bordo pista, dopo aver perso poche curve prima il dado di fissaggio della ruota posteriore sinistra. "La macchina era divenuta instabile alla Curva 6 e non riuscivo più a sterzare verso sinistra", racconta. "Pensavo che fosse un problema di sospensioni, ma poi guardando mi sono accorto che mancava il dado. Dovremo analizzare il perché di questo inconveniente, è molto strano e non era mai auccesso. Credo che questa gara sarebbe potuta andare bene, ma fa parte del gioco. Non ha senso arrabbiarsi, bisogna guardare avanti".

Dopo due arrivi a punti in Bahrain e Australia, ha dovuto alzare bandiera bianca anche Vitantonio Liuzzi, fermo al 12° giro per un'avaria all'acceleratore. "Non abbiamo capito esattamente cosa fosse, ma non potevo proseguire. Ero partito bene e stavo tenendo un buon ritmo, nonostante fossi bloccato dietro a Hulkenberg", dichiara l'abruzzese della Force India.

Jacopo Martina


Stop&Go Communcation

Amaro epilogo per il Gran Premio della Malesia disputato da Fernando Alonso. 19° in griglia dopo le deludenti qualifiche di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-040410-03.jpg Sepang, Day 3: Delusione per Alonso, Schumacher e Liuzzi, costretti al primo ritiro stagionale in Malesia