Prima giornata di prove di scena sul circuito malese di Sepang estremamente produttiva per la scuderia McLaren, che ha saputo proporre l’ex campione del mondo Lewis Hamilton in cima alla classifica in entrambi i turni, con Jenson Button quarto nella Practice 2 nonostante un set-up non ottimale. 

Per me il week-end inizia nel migliore dei modi – ha tuonato Hamilton – ho instaurato un buon feeling con la vettura e fortunatamente il programma stabilito insieme agli uomini McLaren non ha subito intoppi. Dobbiamo ancora comprendere alcuni aspetti sul funzionamento degli pneumatici, ma al di là dei cambiamenti che faremo da qui a domani non vedo problemi particolari. Oggi è andata bene, ciononostante nei due Gran Premi precedenti il nostro passo in qualifica non è stato eccezionale, quindi preferisco attendere il responso di domani. Molto dipenderà dalle condizioni meteorologiche”. 

Qualche incertezza in più per Button, afflitto così come avvenuto a Melbourne da problemi di bilanciamento della monoposto: “Non avevo abbastanza grip e ho faticato a trovare il giusto compromesso nel bilanciamento della vettura. Stiamo lavorando sull’anteriore, perché il comportamento delle sospensioni non mi ha entusiasmato. Può darsi che domani vada meglio, ma di sicuro prima di potermi dire a mio agio saranno necessarie diverse variazioni”. 

Non sembra tranquilla l’atmosfera in casa Red Bull a dispetto del secondo crono realizzato da Sebastian Vettel nella seconda sessione di libere, visto che l’australiano Mark Webber è stato costretto ad alzare bandiera bianca poco dopo la mezzora per una improvvisa perdita di potenza del propulsore Renault: "Un pilota non vorrebbe mai perdere tempo prezioso, purtroppo però la rottura del motore mi ha messo fuori gioco. Sui lunghi rettilinei e nelle curve veloci le sensazioni di guida sono comunque positive".  

Lo stesso Vettel ha fatto sapere di non potersi dire completamente soddisfatto delle prestazioni palesate dalla monoposto a causa di qualche carenza nel ritmo: “Oggi non sono contento al cento per cento. Il motivo è semplice, la vettura non è abbastanza veloce. Le McLaren e le Mercedes hanno dimostrato di avere un ottimo passo, mentre i piloti Ferrari hanno lavorato soprattutto sulle simulazioni di gara senza mostrare il loro reale potenziale. Adesso è importante analizzare i dati a nostra disposizione per puntare domani all’approdo in Q3 nella speranza di partire il più avanti possibile”.  

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Prima giornata di prove di scena sul circuito malese di Sepang estremamente produttiva per la scuderia McLaren, che ha saputo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/vettelf.jpg Sepang, Day 1: McLaren subito protagonista, il secondo crono di Vettel non placa le perplessità Red Bull