Anche Sebastien Buemi è pronto per volare in Cina in vista del prossimo appuntamento del Mondiale di Formula 1. L’elvetico volerà assieme alla Red Bull, pronto a svolgere il suo ruolo di pilota di riserva ed a sostenere il gruppo con la sua presenza e le sue indicazioni tecniche qualora ce ne fosse bisogno.

Buemi è pronto a spiccare il volo verso un tracciato che apprezza particolarmente: “Dopo l’Australia e la Malesia, la mia prossima fermata è la Cina per la terza gara del Campionato del Mondo, dove svolgerò in pieno il mio ruolo come terzo pilota della Red Bull – ha detto nel suo blog – Shanghai è una pista unica, con la sua curva senza fine a forma di chiocciola ed il suo lungo rettilineo. Effettivamente l’intero luogo è fuori dall’ordinario. È un complesso gigantesco ed ogni cosa è più grande del normale. È abbastanza impressionante. Ho buoni ricordi del Gran Premio della Cina durante la mia prima partecipazione nel 2009. Finii 8° e totalizzai punti per la seconda volta nella mia carriera”.

Comunque Sebastien ha poi voluto puntualizzare il suo ruolo effettivo all’interno del team: “Prima di prendere l’aereo, mi piacerebbe cogliere questa opportunità per spiegare un po’ il mio nuovo ruolo come terzo pilota – ha proseguito nel discorso – Certamente è molto diverso da quello che ho provato nelle ultime tre stagioni ma essere un terzo pilota è un lavoro molto importante. E richiede molto del tuo tempo. Ad essere onesti, approccio questi weekend di gara come se io fossi alla partenza. È mio dovere essere pronto. Questo è il motivo per il quale raggiungo presto il tracciato, quasi una settimana prima. Questo mi permette, per esempio in Cina, di abituarmi al cambio del fuso orario ed abituarmi al Paese per essere in buona forma”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Anche Sebastien Buemi è pronto per volare in Cina in vista del prossimo appuntamento del Mondiale di Formula 1. L’elvetico […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/f1-090412-buemi.jpg Sebastien Buemi parla del suo ruolo alla Red Bull: “È molto importante”