Dopo alcune gare positive concluse in zona punti, la Toro Rosso è incappata in un weekend negativo fra le strade di Marina Bay a Singapore. Jaime Alguersuari è stato vittima di un incidente nelle tornate conclusive, mentre Sebastien Buemi ha provato a sfruttare il materiale a sua disposizione, senza andare però oltre il 12° posto.

Proprio lo svizzero è pronto per la nuova sfida, conscio delle difficoltà: “Guidare qui è divertente ed emozionante grazie alla presenza di grandi curve che richiedono un elevato grado di reattività da parte del pilota e della monoposto – ha raccontato – Le S dopo la partenza, la 130R e altre curve rendono unico questo tracciato, per non parlare dell’insolito disegno a 8. Quest’anno abbiamo visto come gli pneumatici Pirelli abbiano avuto un ruolo di primo piano nell’aggiungere azione alla gara e domenica credo non farà eccezione. A Suzuka dovremo lavorare con le mescole medium e soft su una pista generalmente severa sugli pneumatici, con una superficie piuttosto abrasiva”.

Il tracciato giapponese si denota certamente per una conformazione unica: “Il primo settore con le S richiede una macchina molto reattiva nei numerosi cambi di direzione, mentre altre curve lunghe come la Spoon sottopongono le gomme a carichi elevati – ha continuato Buemi – Come sempre, sfruttare al meglio entrambe le mescole sarà cruciale per un buon risultato. Anche l’atmosfera è molto speciale, con i tifosi più educati al Mondo, pronti a stare in tribuna fino a notte fonda per seguire il lavoro nella pitlane. In seguito al terremoto e agli effetti del disastro nucleare di Fukushima, il Giappone ha vissuto tempi difficili, quindi è importante che la Formula 1 sia presente”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Dopo alcune gare positive concluse in zona punti, la Toro Rosso è incappata in un weekend negativo fra le strade […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/f1-051011-buemi.jpg Sebastien Buemi: “A Suzuka troveremo una pista severa per le gomme”