Sebastian Vettel, in un colpo solo, torna alla vittoria ed in testa alla classifica generale con il successo nel GP del Bahrain. Un segnale importante quello del tedesco che aveva vissuto un avvio d’annata sicuramente difficile. Ora per il due volte Campione del Mondo, risolti alcuni problemi sulla vettura, sembra essere arrivata l’ora di occupare quella posizione alla quale si era abituato soprattutto nel 2011.

Tuttavia Vettel ammette come il successo non sia venuto con una gara tranquilla: “Non è stato facile affatto! – ha affermato – È stato molto importante poter scappare davanti sin dalla partenza. Creare un gap rispetto ai ragazzi alle mie spalle mi ha permesso di approfittare di quel divario per l’intera corsa. Le qualifiche non sono andate così perfettamente nel senso dell’utilizzo degli pneumatici rispetto ad alcuni miei rivali. Sia Kimi (Raikkonen, ndr), sia Romain (Grosjean, ndr) avevano nuove gomme in gara, quindi sapevamo ad ogni giro che stando fuori di più sarebbe stato cruciale per il risultato. È stato un qualcosa di ovvio nella fase centrale che Kimi fosse più veloce e che controllarlo fosse assolutamente fondamentale. Verso la fine della corsa invece stava andando incontro ai miei stessi problemi di degrado, dunque spingendo al massimo sono riuscito a scappare un po’”.

La fase decisiva è avvenuta quando entrambi hanno compiuto l’ultima sosta assieme: “Il mio obiettivo principale quando si avvicinava il pit-stop era di fermarmi nel punto perfetto – ha aggiunto Vettel – Troppo indietro o troppo avanti costa del tempo, poiché i miei meccanici sono posizionati nel punto ideale e quando devono spostarsi l’orologio segna i secondi. Ogni cosa è andata al meglio, siamo un team ben collaudato, quindi se nulla è andato storto da lì alla vittoria il merito è tutto nostro. Nel momento in cui in precedenza lui mi stava attaccando pensavo che sarebbe stato estremamente difficile respingerlo e non avevo intenzione di farlo passare! Sapevo che in quella situazione, se fosse riuscito a passarmi, sarebbe stato quasi impossibile cambiare ancora quell’ordine in mio favore”.

Invece Sebastian ha potuto levare le braccia al cielo, in una stagione che si annuncia molto equilibrata: “Questa è stata solamente la quarta corsa in un’annata di 20 gare, quindi abbiamo una lunga strada da percorrere – ha continuato – Finora abbiamo visto che le piccole cose possono fare una grande differenza in corsa. Se prendi oggi, Kimi partiva 11° e stava quasi vincendo. Mostra come battagliata sia questa stagione. E come sia competitiva. Devo anche dire che questo weekend, per la prima volta, mi sono sentito davvero a mio agio nell’abitacolo. Ho proprio avuto l’impressione che potessi contare su ciò. Sapevo quanto mi dovessi aspettare. Dunque devo dire un grosso grazie alla squadra. Questa è in assoluto la nostra vittoria!”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Sebastian Vettel, in un colpo solo, torna alla vittoria ed in testa alla classifica generale con il successo nel GP […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/f1-220412-vettel.jpg Sebastian Vettel vince e guida la classifica: “È la vittoria della squadra”