Sebastian Vettel, dopo la conquista del secondo Titolo Mondiale a soli 24 anni, è già pronto per ricalarsi nella concentrazione di un Gran Premio in vista del prossimo appuntamento coreano. Per il giovane tedesco solamente un breve assaggio della festa che lo attenderà nelle prossime settimane per celebrare il suo trionfo, dal momento che il Titolo Costruttori non è ancora stato matematicamente conquistato dalla Red Bull.

Lo stesso Vettel vuole comportarsi da professionista al 100%: “Sono stati dei giorni grandiosi – ha raccontato ai media – Ma ora sono pienamente concentrato sulla prossima corsa in Corea. Il circuito è molto impegnativo e abbastanza stretto, specialmente l’entrata nella pit-lane. Guidi realmente quasi alla cieca accostando il muro e, se la macchina di fronte a te va nella pit-lane, devi toglierti velocemente di mezzo. Il tracciato è molto scivoloso all’inizio e migliora verso la fine delle libere”.

Sebastian ha poi analizzato attentamente l’impianto di Yeongam: “La pista in Corea è effettivamente costituita da tre parti – ha messo in evidenza – La prima mi ricorda la Turchia; la seconda ha lunghi rettilinei come Monza e la terza ha curve strette come un tracciato cittadino. È come se avessero preso curve da Montecarlo o Istanbul. È importante trovare il ritmo. Trovo la Curva 11, che è composta da due parti, la più interessante”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Sebastian Vettel, dopo la conquista del secondo Titolo Mondiale a soli 24 anni, è già pronto per ricalarsi nella concentrazione […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/11/f1-121011-vettel.jpg Sebastian Vettel: “Sono stati giorni grandiosi ma ora punto alla Corea”