Anche per Sebastian Vettel finalmente si sono concluse le celebrazioni ufficiali del Titolo Mondiale conquistato assieme alla Red Bull. Per il tedesco è stata una stagione vissuta da assoluto dominatore, avendo vinto il Mondiale in Corea ed avendo terminato nella classifica generale con un divario abissale di oltre 100 punti nei confronti dei suoi più immediati inseguitori, Jenson Button ed il compagno Mark Webber.

Tuttavia Vettel, appena conclusasi la festa a Milton Keyens, sede della scuderia, già guarda in ottica futura: “Abbiamo avuto una stagione fantastica – ha affermato ai media – Ci vuole del tempo per realizzare quanto sia stata speciale. È stata fenomenale. Sarà un’annata alla quale ripenseremo e della quale saremo sempre fieri. Questo tipo di stagioni non avvengono ogni anno ma siamo già concentrati sul prossimo anno. Adrian (Newey, ndr) ed i ragazzi stanno già lavorando duramente per avere la macchina del 2012 pronta e per continuare su questa strada”.

Per la scuderia sarà difficile fare meglio, tuttavia Vettel è convinto che la squadra compirà passi avanti: “Devo dire che quest’anno è stato davvero dolce, forse senza errori perché non abbiamo avuto problemi di affidabilità, ad eccezione del Brasile, dove abbiamo comunque potuto finire in 2° posizione – ha proseguito – Oltre a ciò, niente è andato storto dal punto di vista della vettura. I ritiri che abbiamo avuto sono stati l’incidente di Mark (Webber, ndr) a Monza e la mia foratura ad Abu Dhabi, però una vettura ed un motore ben concepiti sono stati migliori di quanto ci aspettassimo. Il prossimo anno le macchine saranno leggermente diverse, non una rivoluzione ma le regole sono cambiate ancora un po’, dunque dobbiamo adattarci ed al momento stiamo lavorando sodo per fare ciò”.

Comunque Sebastian rimane lo stesso anche dopo due Titoli, voglioso sempre di primeggiare: “Professionalmente l’ultimo paio d’anni è stato proprio di successo, però noi tendiamo a guardare avanti – ha infine messo in luce – Non penso che a nessuno manchi la motivazione, quindi non dobbiamo chiedere a noi stessi cosa stiamo facendo perché abbiamo già raggiunto così tanto. Essendo a 24 anni, sarebbe triste dire che è stato il punto più alto della mia carriera e che da allora andrà solo peggio! Anche quando un giorno mi ritirerò, mi sveglierò la mattina e penserò che il mio giorno migliore deve ancora venire”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Anche per Sebastian Vettel finalmente si sono concluse le celebrazioni ufficiali del Titolo Mondiale conquistato assieme alla Red Bull. Per […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-111211-vettel.jpg Sebastian Vettel sempre carico: “Il mio giorno migliore deve ancora venire”