“Credo sia il massimo che potevamo ottenere”. Non si può dar torto a Sebastian Vettel, che giudica così il 2° posto conquistato a Melbourne.

Con una Red Bull che si scopre non più dominatrice assoluta come nel 2011, il pilota tedesco ha dato comunque vita ad una prova di carattere, riscattando l’opaca sesta posizione delle qualifiche. La sua unica sbavatura, di fatto, è stato il piccolo “lungo” compiuto nelle fasi iniziali mentre era dietro a Michael Schumacher.

“Sono molto soddisfatto di me stesso oggi. Mi sentivo bene al volante”, sottolinea Vettel. “Anche prima che entrasse la safety-car, pensavo che avrei potuto raggiungere Hamilton nel finale, mi stavo avvicinando. Ho deciso di continuare quando lui è entrato ai box e lo avremmo comunque superato”.

“La mia partenza è stata buona, ma sono stato sorpreso da Nico (Rosberg, ndr), che è riuscito a scavalcarmi. Poi l’ho risuperato con una bellissima manvora al limite. Dietro a Michael ho compiuto un piccolo errore e sono andato sull’erba… curiosamente è successa la stessa cosa a lui quando lo stavo raggiungendo”.

Il campione del mondo in carica, quindi, sorride al termine del week-end australiano: “Sono tanti punti ed era inaspettato. Credo che la nostra macchina in gara sia più competitiva, e ha in ogni caso un grosso potenziale. Sta a noi adesso tirarlo fuori”.

Infine, i complimenti agli avversari: “Congratulazioni alla McLaren e a Jenson, oggi era imbattibile”.


Stop&Go Communcation

“Credo sia il massimo che potevamo ottenere”. Non si può dar torto a Sebastian Vettel, che giudica così il 2° […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-180312-04.jpg Sebastian Vettel felice del 2° posto: “Il massimo possibile”