Faceva quasi più notizia la sua totale assenza dalle posizioni che contano: Sebastian Vettel è tornato dove non è mai mancato negli ultimi due anni, davanti a tutti a prendersi la pole position nel Gran Premio del Bahrain.

Una qualifica tiratissima, con distacchi minimi tra tutti i protagonisti: un solo decimo più lento di Vettel, infatti, c’è Lewis Hamilton, secondo davanti a Webber, Button (che ha annullato il suo ultimo giro) e Nico Rosberg, che ha provato senza riuscire a bissare la tattica della Malesia.

Anche stavolta, infatti, Rosberg ha provato a giocarsi un solo tentativo, ma un piccolo errore nella parte finale del suo giro lo ha relegato in quinta posizione.
I primi cinque piloti chiudono, così, separati da 499 millesimi.

Il primo degli “altri” è Daniel Ricciardo, sesto con la Toro Rosso davanti alla Lotus di Grosjean e a Perez, ultimo pilota a segnare un tempo cronometrato.

Fernando Alonso, infatti, si piazza nono avendo completato solo un giro di pista, senza far scattare il cronometro: lo spagnolo ha scelto così di non segnare tempi cronometrati in Q3, come altri prima di lui avevano fatto in Q2. Stessa scelta strategica per Paul di Resta, che si piazza decimo per aver adottato la stessa strategia di Alonso ma con qualche minuto di ritardo.

Eliminato in Q2, invece, Kimi Raikkonen: il finalandese è rimasto fuori dalla lotta per la Top 10 per un decimo e mezzo, e domani partirà in sesta fila al fianco di Kobayashi.

L’altro nome illustre vittima della Q2 è Felipe Massa: troppo presto, forse, il suo tentativo su gomme morbide nel corso di una sessione in cui la pista è migliorata notevolmente minuto dopo minuto. Il brasiliano della Ferrari è solo quattordicesimo, in settima fila insieme ad Hulkenberg.

Dietro a Massa, il connazionale Bruno Senna, quindicesimo davanti a Kovalainen con la Catheram che per la prima volta dalla rinominazione del team avvenuta ad inizio anno entra in Q2. L’ultima volta che il team era rientrato nella top 17 era in Belgio nel 2010.

Chiude la Q2 Pastor Maldonado, che non ha preso parte alla sessione per un problema al KERS verificatosi già nell’ultimo giro della Q1. Rientrato, nonostante tutto, nella seconda sessione, il venezuelano ha poi preferito non rischiare di rovniare ulteriormente la sua Williams. Maldonado sarà comunque arretrato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio, e domani sarà ventiduesimo, davanti solo alla Marussia di Glock e alla HRT di Karthikeyan.

Guadagnano così una posizione quasi tutti i piloti della Q1, a partire da un delusissimo Michael Schumacher, primo degli eliminati dopo un errore di strategia da parte della Mercedes. Schumy domani sarà in nona fila, insieme alla Toro Rosso di Vergne.

Decima fila per Petrov e Pic, con De La Rosa che sarà ventiduesimo al fianco, appunto, di Maldonado. Un altra penalità, inoltre, pende sulla testa di Charles Pic che ha mancato l’ingresso nelle operazioni di peso “ignorando” l’indicazione dei commissari di pista. Nel pomeriggio verrà comunicato il tipo di sanzione per il pilota francese.

Classifica
1. Sebastian Vettel – Red Bull Racing-Renault – 1:32.422
2. Lewis Hamilton – McLaren-Mercedes – 1:32.520
3. Mark Webber – Red Bull Racing-Renault – 1:32.637
4. Jenson Button – McLaren-Mercedes – 1:32.711
5. Nico Rosberg – Mercedes – 1:32.821
6. Daniel Ricciardo – STR-Ferrari – 1:32.912
7. Romain Grosjean – Lotus-Renault – 1:33.008
8. Sergio Perez – Sauber-Ferrari – 1:33.394
9. Fernando Alonso – Ferrari – No time
10. Paul di Resta – Force India-Mercedes – No time

11. Kimi Räikkönen – Lotus-Renault – 1:33.789
12. Kamui Kobayashi – Sauber-Ferrari – 1:33.806
13. Nico Hulkenberg – Force India-Mercedes – 1:33.807
14. Felipe Massa – Ferrari – 1:33.912
15. Bruno Senna – Williams-Renault – 1:34.017
16. Heikki Kovalainen – Caterham-Renault – 1:36.132
17. Pastor Maldonado* – Williams-Renault – No time

18. Michael Schumacher – Mercedes – 1:34.865
19. Jean-Eric Vergne – STR-Ferrari – 1:35.014
20. Vitaly Petrov – Caterham-Renault – 1:35.823
21. Charles Pic – Marussia-Cosworth – 1:37.683
22. Pedro de la Rosa – HRT-Cosworth – 1:37.883
23. Timo Glock – Marussia-Cosworth – 1:37.905
24. Narain Karthikeyan – HRT-Cosworth – 1:38.314

*Arretrato di cinque posizioni per la sostituzione del cambio

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Faceva quasi più notizia la sua totale assenza dalle posizioni che contano: Sebastian Vettel è tornato dove non è mai […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/bah_qual_2012.jpg Sakhir, Qualifiche: Sorpesa, c’è la Red Bull in pole, Vettel torna davanti a tutti