Agli Autosport Award è stato il veterano Rubens Barrichello ad aggiudicarsi il Gregor Grant Award, un riconoscimento importante per la longeva carriera in F1. Il brasiliano, pilota più esperto del circus, ha festeggiato quest’anno i 300 Gran Premi disputati, mostrando ancora tanta voglia di correre.

Dopo l’esordio alla Jordan avvenuto nell’ormai lontano 1993, Rubinho è stato in Stewart, poi è approdato in Ferrari, dove ha disputato sei stagioni nell’ombra del sette volte campione del mondo Michael Schumacher. Dopo la felice/infelice esperienza a Maranello è passato alla Honda, rilevata nel 2009 e per la simbolica cifra di una sterlina da Ross Brawn, che l’ha portata (con Jenson Button) a conquistare il titolo mondiale. La firma con la Williams, con la quale ha disputato la scorsa stagione ed è ormai certo anche la prossima, pare aver dato nuova linfa al 38enne di San Paolo.

Barrichello ha ricevuto il premio dal campione del mondo 1996 Damon Hill e si è detto molto orgoglioso dato il suo lungo sodalizio col mondo del motorsport britannico. “Ho vissuto in Inghilterra per molti anni” – ha infatti dichiarato – “ho corso qui in Formula Vauxhall e Formula 3, è come la mia seconda casa”.

Il driver si è anche lasciato andare ad un positivo commento sullo sviluppo della nuova monoposto, che avrà come obiettivo principale un netto miglioramento rispetto alla stagione 2010, a tratti opaca. “Con Frank Williams, ma con tutto il team, c’è molta intesa” – ha chiuso Rubens – “ci capiamo al volo e stiamo lavorando sodo per avere una monoposto competitiva per il 2011, sono certo che ci miglioreremo”.

Andrea Carrato


Stop&Go Communcation

Agli Autosport Award è stato il veterano Rubens Barrichello ad aggiudicarsi il Gregor Grant Award, un riconoscimento importante per la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Rubens_5_12.jpg Rubens Barrichello ha ricevuto il Gregor Grant Award: “Sono molto orgoglioso, l’Inghilterra è la mia seconda casa”