Già direttore tecnico della Ferrari negli anni d’oro della scuderia di Maranello a cavallo tra la fine degli anni Novanta e gli albori del nuovo millennio, l’attuale proprietario del team Brawn Grand Prix può ben dire di conoscere a fondo la personalità dell'eptacampione del mondo Michael Schumacher, in procinto di fare il suo ritorno nel Circus sul circuito cittadino di Valencia il prossimo 23 agosto.  

Sono convinto che tornerà subito a combattere per le posizioni nobili della classifica – ha rivelato Brawn – non posso dimenticare la sua ultima gara disputata in Brasile nel 2006 e il grande spettacolo che Michael aveva dato negli ultimi giri”.  

Secondo l’opinione dell’ingegnere nativo di Manchester, Schumacher avrà comunque bisogno di un relativamente breve periodo di adattamento prima di poter trarre il massimo dalla sua Ferrari: “E’ inevitabile che Michael debba familiarizzare con la vettura. In ogni caso sono pronto a scommettere che se non dovesse riuscire a vincere almeno un Gran Premio quest’anno, la colpa sarà imputabile alla F60 e non all’operato di Michael”.  

Brawn evidenzia che le esigenze delle attuali monoposto di F.1 non costringeranno Schumacher a cambiamenti radicali nello stile di guida: “A mio parere non sono poi così notevoli le differenze tra le vetture di tre anni fa e quelle del 2009. L’ostacolo più importante da superare consisterà nel trovare il giusto feeling con gli pneumatici slick, ma non credo si possa ritenere uno svantaggio visto che tali coperture rendono più prevedibile il comportamento, e di conseguenza anche le reazioni, della monoposto. Michael non ha mai corso a Valencia e non conosce le insidie del circuito cittadino, tuttavia lavorando al simulatore risolverà anche questo problema”. 

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Già direttore tecnico della Ferrari negli anni d’oro della scuderia di Maranello a cavallo tra la fine degli anni Novanta […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/rossb2.jpg Ross Brawn non ha dubbi sull’intatta competitività di Michael Schumacher