Dopo i correttivi concessi dalla FIA alla Renault sul finire del 2008 con l’obiettivo di equipararne la potenza alle squadre ritenute più competitive, i vertici della Federazione hanno comunicato di avere autorizzato la compagine diretta da Eric Boullier e di conseguenza anche la scuderia Red Bull ad apportare le evoluzioni richieste.  

Gli aggiornamenti, che avverranno sotto il rigido controllo della Federazione, riguarderanno aree specifiche del motore senza però interessare un miglioramento della gestione nel consumo di carburante, giudicato dalla FIA troppo attinente alle performances della vettura per poter essere seriamente considerato.  

Il discorso vale per tutti i costruttori – ha spiegato Boullier – potremo beneficiare del permesso di agire sul propulsore nell’ottica di una più probante integrazione del motore col telaio. Al di là del ‘congelamento’ sulle modifiche alle diverse unità tuttora in atto in F.1, molte delle richieste formulate alla FIA sono state approvate”.   

Sulla stessa lunghezza d’onda il team principal della Red Bull Christian Horner: “Se non si accordassero degli sviluppi, si creerebbero dei vantaggi per certe squadre e degli svantaggi per altre. Non sarebbe positivo per la F.1 veder vincere sempre le stesse vetture, anche perché in tal caso i costruttori penalizzati abbandonerebbero la tenzone”.  

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Dopo i correttivi concessi dalla FIA alla Renault sul finire del 2008 con l’obiettivo di equipararne la potenza alle squadre […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/renau1.jpg Renault riceve l’autorizzazione FIA per incrementare il rendimento dei propulsori