Dopo la McLaren, ora è la Renault ad essere seriamente nei guai con la FIA per una vicenda di spionaggio. Quest'estate, proprio nel bel mezzo della bufera, gli avvocati della McLaren avevano consegnato alla FIA delle prove circa un caso di spionaggio subito dal team di Woking per mezzo di un ex dipendente passato alla Renault. Dopo aver infatti esaminato la sede del team di F.1 della casa francese ad Enstone ed aver sentito Flavio Briatore, la FIA ha oggi annunciato che sarà convocata il prossimo mese una seduta speciale del Consiglio Mondiale dell'Automobilismo davanti al quale la Renault sarà obbligata ad apparire per discolparsi.

Secondo il comunicato FIA, la Renault "dovrà rispondere all'accusa di aver infranto l'articolo 151c del codice sportivo, essendo stata in possesso, tra Settembre 2006 ed Ottobre 2007, di materiale appartenente al team Vodafone McLaren Mercedes, riguardante non solo le dimensioni e la struttura della McLaren MP4-22, ma anche particolari del sistema di raffreddamento, del cambio, dei sistemi idraulici e di una nuova sospensione utilizzata sulle vetture 2006 e 2007 del team McLaren."

Il materiale, secondo la McLaren, sarebbe giunto alla Renault sotto forma di quattro compact discs rubati dalla sede della McLaren dal medesimo dipendente sopra citato. Briatore ha già confermato che la Renault collaborerà con la FIA nelle indagini.

Non c'era forse giorno peggiore per la Renault per ricevere una simile notizia, dato che proprio oggi Fernando Alonso avrebbe dovuto comunicare al team le intenzioni circa un suo ritorno o meno. Non c'è dubbio che ora le chances di rivedere Fernando in Renault potrebbero crollare drasticamente.

Cristiano Puglisi


Stop&Go Communcation

Dopo la McLaren, ora è la Renault ad essere seriamente nei guai con la FIA per una vicenda di spionaggio. […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/flavius1.jpg Renault nei guai. La FIA apre una nuova spy story!!!