Il team Red Bull si schiera sulle stesse posizioni della Toyota in merito all’introduzione di un doppio regolamento nel campionato del mondo di F.1 edizione 2010. La scuderia austriaca annuncia infatti di considerare seriamente la possibilità di un ritiro a fine anno nel caso in cui la Federazione Internazionale decidesse di far applicare le nuove normative così come stabilito da Max Mosley.

 

Se le regole sul tetto massimo di spesa per team non verranno modificate – ha spiegato il boss Red Bull Dieter Mateschitz – non rinnoveremo l’iscrizione al campionato. Mi auguro che le altre scuderie supportino la nostra scelta e facciano altrettanto. In questo modo soltanto due o tre delle scuderie attualmente presenti in F.1 confermeranno il loro impegno oltre il 2009”.

 

Il magnate austriaco auspica che un meeting tra FIA e FOTA possa appianare la questione: “Per adesso non ci sono le condizioni per vedere Red Bull al via nel Mondiale 2010. Resto comunque fiducioso per il futuro e spero venga trovato un accordo per evitare una fuoriuscita di quasi tutti i team dalla F.1”.

 

Da segnalare che già nel fine settimana del Gran Premio di Spagna a Barcellona il team Toyota ha comunicato di non voler inoltrare domanda di iscrizione per il 2010 a meno di una clamorosa marcia indietro della Federazione Internazionale, mentre Ferrari e McLaren si sono per il momento limitate ad esprimere la loro viva preoccupazione confidando in un pronto chiarimento delle controversie in atto.

 

Brawn Grand Prix, Force India e Williams sarebbero dell’idea di approvare il piano Mosley, ma se le cose non dovessero cambiare sarà necessario rimpinguare lo schieramento di partenza con svariati nuovi ingressi di team privati, nella forse vana speranza di evitare il definitivo affossamento della massima categoria per monoposto.

 

Ermanno Frassoni 


Stop&Go Communcation

Il team Red Bull si schiera sulle stesse posizioni della Toyota in merito all’introduzione di un doppio regolamento nel campionato […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/redb1.jpg Red Bull minaccia il ritiro se non verranno ridiscusse le normative sul ‘budget cap’