Sebbene in un passato non troppo lontano Ralf Schumacher, attuale portacolori della Mercedes in DTM con all’attivo 182 Gran Premi disputati in F.1 nel decennio 1997-2007, non sia stato tenero nei confronti del fratello Michael, presenza ingombrante nella sua cavalcata ai piani alti del Circus, i rapporti tra i due appaiono ora sotto una diversa luce in virtù delle dichiarazioni rilasciate dall’ex driver di Jordan, Williams e Toyota in merito alle polemiche scaturite in seguito alla condotta di gara tenuta dal contestato ‘Kaiser’ nel Gran Premio d’Ungheria dello scorso 1° agosto.

Non capisco perché la gente si ostini a vedere Michael alla stregua di un robot privo di sentimenti – ha attaccato Ralf sulle colonne di ‘Welt am Sonntag’ – sbagliano coloro che lo dipingono così. In relazione alla manovra compiuta ai danni di Rubens Barrichello negli ultimi giri del Gran Premio d’Ungheria, mio fratello si è poi reso conto dell’errore commesso chiedendo scusa al diretto interessato. Tutti dovrebbero credergli e dimenticare un episodio ormai sorpassato”.

Secondo l’opinione del 35enne ex pilota di F.1, l’azione di Michael testimonia la volontà del pluricampione tedesco di voler tornare il più rapidamente possibile ai livelli che gli competono: “Di sicuro è stata una manovra decisa, ma l’atteggiamento di Michael in pista fa capire quanto lui prenda sul serio il suo impegno con la Mercedes. Dal punto di vista di un pilota, a volte si è portati a valutare un’azione in modo istintivo, senza pensare subito alle possibili conseguenze. Ai tempi della Ferrari lo criticavano perché era troppo duro e razionale, adesso qualcuno dice che ha perso le motivazioni. Tutto ciò non ha alcun senso”.

Schumi jr è comunque convinto che il ritorno del fratello nelle maglie del Circus abbia aiutato la F.1 a ritrovare una propria identità: “Una cosa è certa, l’approdo di Michael alla Mercedes sta giovando all’ambiente. Anche a me sarebbe piaciuto tornare in F.1 dopo l’esperienza con Toyota, ma non ho mai ricevuto l’offerta giusta. Il punto è che noi siamo abbastanza folli da ricascarci nuovamente. Mio fratello ha già dimostrato in alcune occasioni di possedere ancora la velocità indispensabile per poter competere in F.1”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Sebbene in un passato non troppo lontano Ralf Schumacher, attuale portacolori della Mercedes in DTM con all’attivo 182 Gran Premi […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/ralf1.jpg Ralf Schumacher prende le difese del fratello in seguito alle polemiche scaturite in Ungheria: “Michael non è un robot”