A dispetto della ridda di voci susseguitesi nelle ultime ore, i vertici della scuderia Ferrari sembrerebbero intenzionati a rinnovare la fiducia a Luca Badoer, autore di un inaspettato rientro in F.1 al posto dell’infortunato Felipe Massa nel week-end del Gran Premio d’Europa disputatosi sul circuito cittadino di Valencia. 

Come annunciato da Stop&Go, subito dopo la conclusione della gara, quando Rubens Barrichello, Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen dovevano ancora recarsi sul podio per la consueta cerimonia di premiazione, nel paddock è iniziato a circolare il nome di Giancarlo Fisichella, attuale pilota Force India, quale possibile candidato a rilevare Badoer già da Spa Francorchamps. Di lì a poco è arrivata la notizia secondo cui il britannico Anthony Davidson, driver Aston Martin nelle competizioni Endurance con un passato in F.1 diviso tra Minardi, BAR e Super Aguri, si sarebbe offerto volontariamente per rimpiazzare il 38enne pilota veneto. 

Al di là dei comprensibili rumors che sicuramente continueranno a circolare fino alla vigilia del Gran Premio del Belgio, la scuderia di Maranello ha fatto sapere attraverso le parole del direttore della Gestione Sportiva Stefano Domenicali che, almeno nell’immediato, il sedile di Badoer non dovrebbe essere in pericolo. Ritengo che Luca sarà con noi anche a Spa – ha dichiarato Domenicali – ma ne parleremo insieme prima di partire alla volta delle Ardenne. Credo sia importante rinnovargli la fiducia, perché stiamo parlando di un vero uomo di squadra, che si è messo a disposizione della Ferrari al momento del forfait di Michael Schumacher”. 

Secondo quanto affermato da Domenicali, Badoer ha mostrato una costante progressione nell’arco dei 57 giri del Gran Premio svoltosi ieri sull’impegnativo tracciato di Valencia: “Ha finito la corsa macinando parecchi chilometri, anche se ovviamente per lui non si è trattato di un rientro indolore. Non disputava un Gran Premio da dieci anni, ciononostante Luca si è ben comportato, dimostrando di saper reggere bene la pressione psicologica esercitata dai media, che ovviamente non sono mai troppo teneri nei giudizi quando un italiano prende in mano il volante di una Ferrari F.1”. 

Abbastanza soddisfatto delle sue performance il driver nativo di Montebelluna, primo italiano a calarsi nell’abitacolo di una Rossa dai tempi di Nicola Larini: “Per me è solo il primo passo. Ho pensato a restare in macchina il più possibile, dal venerdì alla domenica, evitando di commettere errori troppo gravi. Ho avuto uno scatto notevole in partenza, poi però una Renault mi ha colpito nel posteriore e sono finito in testacoda. Sono comunque felice di aver concluso la corsa e di avere instaurato un buon feeling con la F60”. 

Sul fronte interno della Ferrari, nei prossimi giorni si dovrà anche pensare a come affrontare la vicenda relativa alle esternazioni del secondo collaudatore Marc Gené, che non ha nascosto la sua delusione per la mancata promozione a titolare dopo l’annuncio del forfait di Schumacher. “E’ stato un periodo difficile – ha ammesso lo spagnolo – perché ho dovuto accettare di non poter competere di fronte al mio pubblico a Valencia, nello stesso anno in cui ho vinto la 24 Ore di Le Mans con la Peugeot. Conosco bene la monoposto del Cavallino: nonostante le limitazioni nei test, ho percorso diecimila chilometri, eppure non sono stato scelto per correre al fianco di Raikkonen. Rispetterò qualunque decisione prenderà il team per il Gran Premio del Belgio, anche se ovviamente mi piacerebbe molto tornare in azione. Mi sento pronto per ogni evenienza, su questo i vertici della Ferrari possono stare tranquilli”. 

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

A dispetto della ridda di voci susseguitesi nelle ultime ore, i vertici della scuderia Ferrari sembrerebbero intenzionati a rinnovare la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/badoerluca.jpg Probabile la conferma di Luca Badoer in Ferrari per il Gran Premio del Belgio