Nella conferenza stampa che si è tenuta ad Abu Dhabi questa mattina, alla presenza di tutte le principali testate internazionali, la Pirelli ha presentato la gamma di pneumatici per la stagione 2012 di Formula 1. Dopo gli innumerevoli consensi ricevuti lo scorso anno, al ritorno nel Mondiale dopo due decenni, la casa milanese non si è certo adagiata sugli allori rinnovando le proprie specifiche.

“L’evoluzione delle gomme Pirelli per il 2012 tiene conto dei cambiamenti regolamentari introdotti dalla FIA relativi agli scarichi soffiati”, viene sottolineato.

Innanzitutto, cambia la forma dei pneumatici, che in sezione avranno un profilo più squadrato. Questo migliorerà il livello di usura, specialmente sulle spalle, attraverso una distribuzione più uniforme della pressione e del calore. L’obiettivo è quello di ridurre il famigerato “blistering” (la formazione di bolle sulla superficie della mescola) e, a parità di distanza percorsa, aumentare le performances della gomma. Al posteriore, inoltre, il profilo squadrato offrirà un maggiore livello di aderenza, compensando la riduzione del carico aerodinamico imposta dai nuovi regolamenti.

Ad eccezione della supersoft (destinata prevalentemente ai circuiti cittadini e rimasta immutata), tutte le mescole saranno più morbide e prestazionali. Restano quattro tipologia: oltre appunto alla super morbida, sono la morbida, la media e la dura, identificate rispettivamente dai colori rosso, giallo, bianco e argento per le scritte sulla spalla.

“Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, i team ci hanno chiesto di confermare per il 2012 quelle caratteristiche che nella passata stagione hanno contribuito a dare vita a gare spettacolari. È quel che abbiamo fatto, ottimizzando mescole e profili in modo da garantire prestazioni maggiori e più stabili, unite alla durata variabile che ha caratterizzato i P Zero del 2011. Ci aspettiamo gare dall’esito mai scontato, con strategie differenziate e con molte soste ai box, elementi che il pubblico, oltre che i protagonisti, hanno molto apprezzato. Lo sviluppo delle nuove mescole è avvenuto nel corso del campionato 2011, grazie alla velocità di apprendimento e di reazione dei nostri tecnici, che sono pronti a ulteriori evoluzioni durante il Mondiale che sta per aprirsi”, ha dichiarato Marco Tronchetti Provera, presidente Pirelli.

Curiosità: le due specifiche per la pioggia (intermedia, di colore verde, e wet, di colore blu) saranno adesso contraddistinte dalla storica denominazione “Cinturato”. Le gomme da bagnato estremo al posteriore dispongono ora di un profilo ottimizzato per il drenaggio dell’acqua.


Stop&Go Communcation

Nella conferenza stampa che si è tenuta ad Abu Dhabi questa mattina, alla presenza di tutte le principali testate internazionali, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/02/f1-250112-01.jpg Pirelli presenta le gomme 2012: novità tecniche e di immagine