A seguito delle forature manifestatesi durante la seconda sessione di prove libere sulle monoposto di Sebastian Vettel e Fernando Alonso, la Pirelli è tornata sotto l’occhio del ciclone.

La paura di tutti i piloti è che si ripeta quanto avvenne durante il GP di Silverstone, quando ad esplodere furono addirittura cinque pneumatici.

Mark Webber ha chiesto chiarimenti alla FIA: “Sapere che la causa di tutti i problemi fossero alcuni detriti non ci basta; vogliamo essere tranquillizzati prima di salire in macchina e prendere ulteriori rischi”.

Il direttore di Pirelli Motorsport ha commentato così l’avvenimento: “Dei pezzi di tungsteno in pista hanno provocato l’esplosione di due gomme; analizzeremo meglio i resti per dare delle chiarificazioni. La cosa è certa, le nostre gomme sono sicure”.

Andrea Giustini


Stop&Go Communcation

A seguito delle forature manifestatesi durante la seconda sessione di prove libere sulle monoposto di Sebastian Vettel e Fernando Alonso, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/08/Pirelli-Formula-One-tyres.jpg Pirelli di nuovo sul banco degli imputati?