La decisione presa dalla FIA di disputare il Gran Premio del Bahrain (manca una conferma definitiva sulla data, ma sarà sicuramente l’11 dicembre) non ha certo trovato apprezzamenti nel paddock della Formula 1.

Rubens Barrichello, in qualità di presidente della GPDA, il sindacato dei piloti, ha sottolineato la volontà dei concorrenti di avere garanzie sulla reale sicurezza dell’evento: “Vorrei sottolineare di apprezzare la pista e più in generale questo appuntamento, ma desidero essere certo che tutto possa essere sicuro. Nei nostri meeting, tutti i piloti hanno dimostrato preoccupazione in merito”.

“Ovviamente ci sarà del lavoro extra e altri viaggi per le squadre. Ma per noi, i piloti, ciò che conta davvero è la sicurezza. Il resto non è importante”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è il parere di Eric Boullier, team principal della Lotus Renault GP: “Ho già parlato a lungo della nostra opinione sull’argomento. Saremo contenti di andare in Bahrain soltanto se la nostra sicurezza e quella della popolazione locale è garantita”.

Per questo motivo la FOTA ha intenzione di discuterne in settimana, alla vigilia del week-end in Canada: l’esito dell’incontro determinerà una posizione comune che assumeranno le scuderie.


Stop&Go Communcation

La decisione presa dalla FIA di disputare il Gran Premio del Bahrain (manca una conferma definitiva sulla data, ma sarà […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-060611-02.jpg Piloti e squadre ancora perplessi sulla disputa della gara in Bahrain