La gara in Belgio è stata altamente spettacolare, piena di sorpassi e continui avvicendamenti al vertice (ben 8 nei primi 18 giri!, ndr). Sicuramente a favorire il tutto sono state anche le gomme Pirelli, il cui comportamento era sconosciuto ai team, dal momento che le prove libere e le qualifiche si erano praticamente svolte sull’umido, mentre la corsa è stata sull’asciutto.

L’imprevedibilità degli pneumatici si è trasformato in un ulteriore fattore intrigante: “Spa-Francorchamps offre sempre gare da brivido, anche se quest’anno è stato davvero insolito non vedere una goccia di pioggia durante l’intera gara – ha detto Paul Hembery, Direttore di Pirelli Motosport – Prima della partenza, tutti i team avevano pochissime informazioni sull’asciutto a Spa, fattore che ha sicuramente aumentato la sfida. C’è stato un problema di blistering sugli pneumatici anteriori, ma siamo convinti che una tale eventualità non si verificherà più, in particolar modo seguendo le nostre raccomandazioni sull’utilizzo degli pneumatici”.

Hembery ha poi spiegato quale probabilmente sia stato l’elemento che abbia causato blistering sulle coperture: “Ovviamente, se un team avesse avuto fondate preoccupazioni sulla sua situazione, avrebbe potuto cambiare assetto e partire dalla pitlane – ha aggiunto a proposito – Ma la maggior parte dei team ha ritenuto che non fossero necessarie delle modifiche. Sembra che il problema sia derivato dal fatto che alcune monoposto avevano un carico eccessivo sulla spalla interna dello pneumatico anteriore per via del loro assetto, surriscaldando così la mescola, ma senza influire sull’integrità strutturale della gomma”.

Inoltre non esistevano condizioni di pericolo perché venissero sostituite le gomme prima del via: “Non essendoci questioni di sicurezza e, dato che non sarebbe stato corretto nei confronti dei team che non avevano problemi, si è deciso di partire con gli pneumatici usati in qualifica, come da regolamento – ha infine ammesso – Pur essendo in grado di sostituire gli pneumatici soft dopo le qualifiche, non è stato necessario farlo. Gli pneumatici più duri hanno girato senza problemi per l’intero weekend. Sia Michael Schumacher sia Jenson Button hanno iniziato la gara sulle medium, che si sono dimostrate determinanti nella loro rimonta dalle retrovie alle prime posizioni”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

La gara in Belgio è stata altamente spettacolare, piena di sorpassi e continui avvicendamenti al vertice (ben 8 nei primi […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/f1-280811-pirelli.jpg Paul Hembery: “Il blistering è stato causato da un carico eccessivo”