A questo punto non si può negare che la prima stagione in Formula 1 da costruttore completo della Mercedes dal 1955 sia stata al di sotto delle aspettative. Le difficoltà attraversate negli ultimi Gran Premi, con Nico Rosberg e Michael Schumacher spesso in crisi di competitività, hanno convinto il team di Brackley a interrompere lo sviluppo della attuale monoposto, focalizzando quindi le proprie energie sul progetto 2011, quando l’obiettivo sarà senza remore la caccia al titolo iridato.

Nonostante la delusione di questa annata, la casa di Stoccarda rimane comunque fortemente motivata a gareggiare nella categoria regina, dopo aver rilevato la ex Brawn GP lo scorso dicembre. “Abbiamo ridotto drasticamente il budget ma siamo ancora in F1, laddove altri costruttori hanno invece abbandonato”, ha dichiarato il direttore sportivo Norbert Haug al quotidiano L’Equipe.

“Pensiamo ancora che si tratti di un buon investimento, nonostante i risultati non siano stati positivi. Quando vinci il titolo, sai come conquistarlo di nuovo. La cosa più importante adesso è rimanere uniti, ed è ciò che intendiamo fare”, ha sottolineato il manager tedesco. “Ovviamente non siamo dove vorremmo essere, ma spesso è così che funziona in Formula 1. Sono in questo mondo da un po’ di tempo ormai, allo stesso modo di Ross (Brawn, ndr).

“So che questa scuderia ha il potenziale per far meglio. Oggi non siamo forti abbastanza, ma sono convinto che con un po’ di tempo a disposizione potremo vincere”.


Stop&Go Communcation

A questo punto non si può negare che la prima stagione in Formula 1 da costruttore completo della Mercedes dal […]

Norbert Haug sottolinea: “Mercedes sempre motivata a competere in Formula 1”