Dopo un inizio di stagione complesso, la Mercedes GP è riuscita ad esprimere il suo potenziale nel corso del Gran Premio della Cina. Il merito va dato a Nico Rosberg, il quale ha concluso subito a ridosso del podio, comandando la gara anche per diverse tornate, mentre Michael Schumacher ha sofferto maggiormente, finendo in 7° posizione dopo che al via era scattato fuori dalle prime 10 posizioni.

Ora, con l’arrivo degli appuntamenti europei, l’obiettivo è di riuscire a mostrare agli avversari il vero valore della vettura, come afferma Norbert Haug, capo di Mercedes Motorsport: “Onestamente non posso promettere che faremo le stesse cose in Turchia, ma l’aspetto più importante è di aver trovato la chiave per sbloccare il potenziale – ha esordito nell’analisi – La velocità è questa. Le prestazioni in Cina sono state genuine”.

Ciò che è cambiato principalmente non è la concezione della monoposto, ma come affrontare le corse: “Detto questo, il circuito cinese non è del tutto differente dalla Malesia – ha proseguito Haug – Ma ora disponiamo di una migliore comprensione della macchina. Ross (Brawn, ndr) si è seduto con i ragazzi e gli ingegneri, ed abbiamo poi cambiato l’approccio al weekend“.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Dopo un inizio di stagione complesso, la Mercedes GP è riuscita ad esprimere il suo potenziale nel corso del Gran […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-270411-haug-cina.jpg Norbert Haug è fiducioso del potenziale della Mercedes