Nico Rosberg esce da un paio di Gran Premi nei quali è stato nettamente battuto da parte del compagno Michael Schumacher, cosa che forse non era mai accaduta nei loro due anni e mezzo di convivenza alla Mercedes. Il figlio di Keke, soprattutto a Silverstone, è sembrato in difficoltà sia nello sfruttare al meglio la vettura a disposizione, sia nel gestire le gomme Pirelli.

Anche per lui però, come per molti altri, arriva l’appuntamento di casa in Germania: “Non vedo davvero l’ora del nostro secondo GP di casa la prossima settimana – ha dichiarato – Cominceremo il weekend con le visite al nostro stabilimento per la nuova Classe A e Classe B a Rastatt, per l’AMG a Affalterbach e per il FOTA Fan Forum a Stoccarda; sarà grandioso vedere così tanti colleghi della Mercedes-Benz, e trascorrere pure un po’ di tempo con i tifosi prima che il weekend diventi davvero impegnativo! Hockenheim è sempre molto speciale per noi, e specialmente per me. Sono nato a Wiesbaden, vicino a Hockenheim, e ho proprio dei ricordi delle precedenti corse qui”.

I ricordi si accavallano nella mente di Nico, con la speranza di poterli aggiornare: “Prima della mia carriera in Formula 1 ho vinto abbastanza spesso su questo tracciato, e non dimenticherò mai l’ultima corsa di mio padre qui nel DTM nel 1995 – ha infine raccontato – Sono salito sul tettuccio della sua macchina mentre guidava nel Motodrom e quello è stato il momento nel quale ho pensato “Quanto è bello?!” e ho deciso di diventare un pilota da corsa come lui. Spingerò davvero forte per comportarmi bene dinanzi ai nostri fan nella tribuna Mercedes, dunque speriamo di poter celebrare un bel risultato assieme. Penso che la nostra vettura dovrebbe adattarsi a questa pista molto meglio che a Silverstone. Hockenheim ha lunghi rettilinei e curve brevi, il che sarà buono per le Frecce d’Argento”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Nico Rosberg esce da un paio di Gran Premi nei quali è stato nettamente battuto da parte del compagno Michael […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/f1-150712-rosberg.jpg Nico Rosberg si apre ai ricordi: “Che bella Hockenheim nel 1995 con mio padre!”