A Nico Hulkenberg il ruolo di collaudatore della Force India sta un po’ stretto. Non potrebbe essere altrimenti, dopo una stagione 2010 in cui, al debutto, ha spesso saputo stupire al volante della Williams. Il risultato più clamoroso è stato senza dubbio la pole-position di Interlagos, non sufficiente però a garantirgli un sedile a Grove.

“È stato probabilmente il momento più alto della mia carriera, ne sono molto orgoglioso”, ammette non a caso il tedesco, chiamato adesso a guidare nelle prove libere del venerdì mattina.

“All’inizio è stata una delusione perdere il posto da titolare. Sono però contento che la Force India mi abbia dato questa chance per dimostrare le mie capacità e per crescere. Qui mi sono sentito subito il benvenuto. Spero di poter tornare a correre nel 2012: la squadra sta facendo un ottimo lavoro. Anche se la macchina non è competitiva come ci aspettavamo, riusciremo comunque a farla crescere. C’è tanto potenziale”.

A Melbourne e Sepang, l’ex campione di GP2 ha chiuso davanti a Paul Di Resta e Adrian Sutil, ma non si lancia in facili entusiasmi: “Sono soltanto prove, non ci darei troppa attenzione. Per me conta essere veloce e dare buone indicazioni al team”.

Il pupillo di Willi Webber non ha nascosto un po’ di disappunto per la situazione attuale della griglia di Formula 1. “Tutti i piloti paganti, come ad esempio Vitaly Petrov, possono anche essere forti. In ogni caso le scuderie per sopravvivere privilegiano il denaro al talento. Questo è uno sport costoso e senza risorse economiche si fa molto dura”.

Quanto alla separazione della Williams, aggiunge: “Mi rendo conto della loro necessità di budget, ma sono dispiaciuto per come abbiano gestito la separazione”.


Stop&Go Communcation

A Nico Hulkenberg il ruolo di collaudatore della Force India sta un po’ stretto. Non potrebbe essere altrimenti, dopo una […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-130411-02.jpg Nico Hulkenberg: “Spero di correre per la Force India nel 2012”