Tante le novità nel regolamento 2014 della Formula 1 che interessano gli aspetti tecnici, ufficializzati oggi nel World Motor Sport Council della FIA.

Per quanto riguarda le power unit (il pacchetto composto da propulsore e sistema di recupero dell’energia), che saranno al centro della “rivoluzione” progettuale della prossima stagione, se ne potrà utilizzare un massimo di 5 in tutta la stagione. Superato questo limite, la sostituzione dell’intero apparato costringerà il pilota a prendere il via della pit-lane; la sostituzione di una singola componente (come il turbo o le batterie) coinciderà con un arretramento di dieci posizioni sulla griglia.

Sarà aumentata anche la vita utile della trasmissione, che dovrà durare almeno 6 Gran Premi consecutivi, contro gli attuali 5.

Il quantitativo massimo di carburante permesso in gara sarà di 100 chilogrammi, conteggiati dallo spegnersi dei semafori fino al traguardo. Il consumo sarà monitorato attraverso un dispositivo certificato dalla Federazione.

Ogni costruttore potrà omologare, per il periodo 2014-2020, una sola power unit. Si tratta di fatto di una mossa per il congelamento dello sviluppo, con eccezioni relative a installazione, affidabilità e riduzione costi.

Sarà consentito un controllo elettronico dei freni posteriori, per favorire il recupero dell’energia cinetica senza inficiare la forza frenante.

Il peso minimo delle monoposto passa da 640 a 645 chilogrammi, in conseguenza del maggior peso delle power unit. A livello telaistico saranno adottati accorgimenti per eliminare lo scalino all’anteriore, senza nemmeno ricorrere al cosiddetto vanity panel. Il muso, anche per ragioni di sicurezza in caso di incidenti, avrà un’altezza inferiore.

Le protezioni ai lati del casco dovranno diventare più rigide, con una flessione nei test statici non superiore a 5 millimetri (oggi sono 20). Come già annunciato in questi giorni, inoltre, le strutture deformabili saranno costruite con criteri standard e saranno più adatte a sopportare impatti in direzione obliqua.

Infine, per ridurre le spese, verranno ancora ridotte le ore autorizzate in galleria del vento e con la fluidodinamica computazionale (CFD). L’obiettivo è di dar modo alle scuderie di condividere eventualmente la stessa struttura, ottimizzando le risorse.


Stop&Go Communcation

Tante le novità nel regolamento 2014 della Formula 1 che interessano gli aspetti tecnici, ufficializzati oggi nel World Motor Sport […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/f1-mercedes-280613-06.jpg Nel 2014 misure a favore di costi, consumi e sicurezza