Il team Williams F.1, che nei recenti test di Abu Dhabi riservati ai giovani piloti ha messo alla prova il neocampione della F.2 Dean Stoneman e l’iridato GP2 Main Series Pastor Maldonado, ha confermato l’intenzione di ricorrere al sistema di recupero dell’energia cinetica alimentato a batteria nel Mondiale 2011, ovverosia quando il dispositivo già utilizzato da alcune squadre nel 2009 tornerà prepotentemente d’attualità complice l’introduzione di un nuovo regolamento.

Penso che ormai non sia più un mistero la nostra decisione di impiegare il KERS a batteria – ha spiegato Patrick Head, comproprietario del team Williams insieme all’inossidabile patron Frank – se invece avessimo utilizzato il sistema nel 2009 il congegno sarebbe stato a volano. Il peso del dispositivo a volano è minore rispetto al KERS a batteria, mentre la potenza si può definire equivalente. Con le batterie, però, saremo in grado di realizzare il sistema a nostro piacimento, adottando infinite soluzioni. Dopo il bando dei rifornimenti è diventato quasi impossibile dotare una monoposto di F.1 di un KERS a volano, anche se ad esempio nel caso delle vetture sportscar come la Porsche GT3R ibrida una via d’uscita è stata comunque trovata”.

Secondo quanto riportato da Head, il progetto di un KERS a volano potrebbe assumere una certa consistenza in chiave 2013, dal momento che le tante modifiche previste al regolamento tecnico renderebbero più sensata la sperimentazione: “In futuro la situazione può cambiare in modo radicale. Se i motori saranno dei quattro cilindri turbo non escludo l’impiego di un dispositivo a volano, del resto alla Williams non avremmo alcun problema a riconsiderare da capo questa opzione”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Il team Williams F.1, che nei recenti test di Abu Dhabi riservati ai giovani piloti ha messo alla prova il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/williams.jpg Nel 2011 la Williams opterà per il KERS a batteria. Patrick Head: “Il sistema a volano potrebbe tornare d’attualità dal 2013”