Annunciato in mattinata l’accordo con la Lotus per la cessione del proprio team (divenuto adesso Lotus Renault GP Team) da parte del fondo Genii Capital, la Renault ha ufficializzato la nascita della divisione “Renault Sport F1”, che si occuperà della fornitura dei propulsori e del KERS per le tre squadre già sotto contratto: oltre alla stessa scuderia di Enstone, anche la Red Bull Racing e l’attuale Lotus Racing.

La casa francese rende quindi nuovamente autonomo il reparto di Viry-Chatillon, ritornando a una essere prevalentemente un motorista: una veste in cui, negli anni ’90, ha messo in bacheca un totale di 11 titoli piloti e costruttori insieme a Williams e Benetton, a cui si sommano quelli conquistati quest’anno con la stessa Red Bull.

A dirigere le operazioni sarà Bernard Rey, fino al 2009 presidente del team Renault F1, ormai passato alla storia nella sua vecchia identità.

“Il 2011 apre un nuovo capitolo del nostro coinvolgimento in Formula 1. La vittoria iridata con la Red Bull ha mostrato il nostro potenziale come motorististi, e sottolinea l’autorevolezza della Renault in qualità di fornitore di propulsori e di tecnologie”, ha dichiarato Carlos Ghosn, presidente e amministratore delegato del gruppo transalpino. “Vogliamo partire da questo successo per affrontare gli anni a venire e proseguire su questa strada, anche in vista delle prossime sfide tecniche: sviluppare una unità le cui soluzioni possano essere trasferite in futuro nella produzione di serie”.

Nel comunicato diffuso, la Lotus Racing, con cui è tutt’ora in atto una disputa legale sull’utilizzo del nome “Team Lotus”, è stato identificato dalla Renault con la sua ragione sociale originaria di “1 Malaysia Racing Team”.

La notizia dell’accordo tra il Lotus Group e la Renault è stata commentata in maniera piccata dal patron Tony Fernandes, che sul proprio account Twitter ha scritto: “Dany Bahar (il responsabile di Lotus Cars, ndr) ci ha fatto un favore. Non mi sono mai sentito più ottimista sul nostro futuro e sul Team Lotus. Sembra che abbiano cercato di rubarci l’idea della livrea nero e oro”.

In effetti, già lo scorso 11 novembre la compagine anglo-malese aveva annunciato la volontà di utilizzare la colorazione in stile John Player Special, utilizzata negli anni ’70 e ’80, tanto da aver indetto un concorsoonline in cui i fan potessero mostrare le proprie idee. Il contenzioso sembra destinato a durare ancora a lungo.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Annunciato in mattinata l’accordo con la Lotus per la cessione del proprio team (divenuto adesso Lotus Renault GP Team) da […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-081210-01.jpg Nasce Renault Sport F1, la divisione motori della casa francese nella categoria regina