Una notizia incredibile ha scosso il paddock del Gran Premio del Giappone e i tifosi del mondo dei motori: la pilota Maria de Villota è stata rinvenuta senza vita stamattina in un hotel a Siviglia.

Ancora sconosciute le cause del decesso, e molto frammentarie le notizie che arrivano dalla Spagna dove però sempre più fonti confermano quanto accaduto: i medici sarebbero intervenuti, allertati da un membro del personale dell’hotel, verso le 7:30 e avrebbero tentato inutilmente di rianimarla sul posto.

La De Villota, trentatré anni, era a Siviglia per presentare il suo libro “La vida es un regalo“, scritto per raccontare la sua vita e il superamento del suo handicap visivo dopo l’incidente del 3 Luglio 2012 all’aeroporto di Duxford.

Quel giorno, in un violento impatto contro il bilico di un camion che si trovava a bordo pista, Maria de Villota perse l’occhio destro nel suo ultimo test in Formula 1 e, scampata miracolosamente alla morte, decise di abbracciare la causa della sicurezza per i piloti diventando testimonial della FIA e facendo da porta bandiera al GP di Spagna quest’anno.

“Non c’è altro che pregare per lei, essere vicino alla sua famiglia. Maria era molto amata nel mondo del motorsport e qui nel paddock” ha detto ai microfoni di Sky un Fernando Alonso molto addolorato, raggiunto dalla notizia al termine della seconda sessione di prove libere a Suzuka.

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Una notizia incredibile scuote il paddock di Suzuka: nella sua stanza d’albergo a Siviglia è stato trovato il corpo senza vita di Maria de Villota.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/10/giappone_2013_devillota.jpg Morta a Siviglia Maria de Villota