Finisce col vincitore più scontato l’ottantatreesima edizione del Gran Premio d’Italia: Lewis Hamilton, partito dalla fantastica pole position di ieri, è giunto al succeso dopo cinquantatré giri di dominio assoluto, sempre in testa al gruppo tranne per un paio di giri in occasione del suo primo pit-stop.

Se, però, la vittoria di Hamilton (la terza consecutiva per la McLaren, dopo che lo stesso Lewis aveva trionfato in Ungheria e Button aveva vinto in Belgio) era senz’altro più che prevedibile vista la competitività della sua monoposto, quello che è successo alle sue spalle è un Gran Premio pieno di colpi di scena e di bellissimi duelli, uno splendido spettacolo davanti all’autodromo di Monza gremito.

A far compagnia ad Hamilton sul podio c’è un fenonenale Sergio Perez: il messicano, in un replay di quanto fece ed inizio stagione in Malesia, è stato autore di un’arrembante rimonta nella seconda metà di gara, riuscendo a recuperare e superare i Ferraristi, saliti in seconda e terza posizione grazie al ritiro di Jenson Button con problemi alla pompa della benzina.

L’inglese, che fino a quel momento era agevolmente secondo, ha così lasciato spazio ai due piloti della Ferrari, con Alonso che trovato il sorpasso sul compagno di squadra Massa dopo un epico duello con Vettel (col tedesco poi punito con un drive trough per aver “accompagnato” Alonso fuori pista alla curva 3).

Né Massa né Alonso hanno, però, potuto resistere all’arrivo di Perez, che li ha infilati entrambi con facilità prendendosi un secondo posto meritatissimo. Terzo quindi Fernando Alonso, protagonista nello show del podio dove, presa in prestito una telecamera, ha deciso di inquadrare l’enorme quantità di tifosi accorsi per assistere alla premiazione.

Per Alonso, senz’altro, il risultato odierno è più che positivo: eccezione fatta per Hamilton, che senz’altro sarà l’avversario più pericoloso da qui alla fine della stagione, i ritiri di Vettel, Button e Webber (l’australiano è finito in testacoda a due giri dalla fine, perdendo l’arrivo in zona punti e quindi ritirandosi) allungano il margine dello spagnolo in classifica mondiale. Ora Alonso ha trentasette punti su Hamilton e trentotto su Kimi Raikkonen, terzo nel mondiale dopo il quinto posto alle spalle di Massa nella giornata di oggi.

Vettel e Webber perdono terreno, e si fermano rispettivamente a trentanove e quarantasette lunghezze di ritardo.

Tornando alla classifica del Gran Premio, dietro al finlandese della Lotus si piazzano le Mercedes di Schumacher e Rosberg, tanto lente ad inizio gara quanto rapide nel finale con i due unici in zona punti a fare due soste ai box. Schumacher e Rosberg sono stati bravi poi negli ultimi giri a disfarsi della Force India di Di Resta e della Sauber di Kobayashi, che chiudono la zona punti davanti a Bruno Senna.

Fuori dalla top 10 Pastor Maldonado, costretto ad una strategia a due soste che non ha favorito la sua rimonta dalle ultime file: il venezuelano ha preceduto Ricciardo e D’Ambrosio, ultimo pilota a pieni giri oggi.

Doppiato il resto del gruppo: arrivo in volata per le Catheram di Kovalainen e Petrov, con il finlandese che ha avuto la meglio per un decimo. Più indietro Pic e Glock, davanti a De la Rosa e Karthikeyan.

Oltre ai già citati ritiri di Webber, Vettel e Button, si sono fermati prima della bandiera a scacchi anche Vergne (fuori per un testacoda alla prima variante dopo otto giri) ed Hulkenberg, che era partito dalle retrovie dopo aver rotto il cambio. Il tedesco è stato poi vittima di un nuovo problema tecnico quando era ai margini della Top 10.

La Formula 1 tornerà in pista tra due settimane, nel week-end del 21, 22 e 23 settembre, per la gara in notturna del campionato: appuntamento, ovviamente, a Singapore.

Classifica
1. Hamilton McLaren-Mercedes 1h19:41.221
2. Perez Sauber-Ferrari + 4.356
3. Alonso Ferrari + 20.594
4. Massa Ferrari + 29.667
5. Raikkonen Lotus-Renault + 30.881
6. Schumacher Mercedes + 31.259
7. Rosberg Mercedes + 33.550
8. Di Resta Force India-Mercedes + 41.057
9. Kobayashi Sauber-Ferrari + 43.898
10. Senna Williams-Renault + 48.144
11. Maldonado Williams-Renault + 48.682
12. Ricciardo Toro Rosso-Ferrari + 50.316
13. d’Ambrosio Lotus-Renault + 1:15.861
14. Kovalainen Caterham-Renault + 1 Giro
15. Petrov Caterham-Renault + 1 Giro
16. Pic Marussia-Cosworth + 1 Giro
17. Glock Marussia-Cosworth + 1 Giro
18. De la Rosa HRT-Cosworth + 1 Giro
19. Karthikeyan HRT-Cosworth + 1 Giro

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Finisce col vincitore più scontato l’ottantatreesima edizione del Gran Premio d’Italia: Lewis Hamilton, partito dalla fantastica pole position di ieri, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/ita_gara_2012.jpg Monza, Gara: Dominio Hamilton, poi un grande Perez; Alonso è terzo