Protagonista ieri alla Race of Champions di Dusseldorf, dove è stato eliminato nei quarti di finale da Sebastian Vettel, Michael Schumacher ha ribadito la volontà di battagliare per il titolo mondiale nel 2011. La stagione appena conclusa, che ha visto il suo ritorno in Formula 1 con la Mercedes, non può certamente dirsi soddisfacente, anche a causa di un pacchetto meno competitivo del previsto e dello scarso feeling trovato con i pneumatici Bridgestone.

I test collettivi organizzati ad Abu Dhabi con le coperture Pirelli, tuttavia, hanno dato segnali molto incoraggianti al sette volte iridato, che spera inoltre di poter guidare una monoposto all’altezza delle rivali Red Bull, Ferrari e McLaren.

“Quando a dicembre dello scorso anno avevo firmato per la Mercedes, poteva esserci un solo obiettivo: il Mondiale. Del resto il team (come Brawn GP, ndr) aveva ottenuto questo risultato nel 2009. Ovviamente, tre anni di stop hanno reso le cose un po’ più difficili, ma non ho mai dubitato delle mie capacità”, ha commentato il tedesco. “Certo, dopo i primi chilometri con la vecchia macchina, avevo capito di dover rivedere le mie ambizioni”.

“Nel 2011, in ogni caso, penserò soltanto al titolo. Sarà un traguardo impegnativo da raggiungere, specialmente considerando quanto abbiamo fatto nell’annata appena conclusa. Senza dubbio non saremo considerati tra i favoriti, ma rimango fiducioso. Penso sia possibile fare un grosso passo avanti nella giusta direzione e ambire alla vittoria. Dopo dipenderà da come sapremo procedere nello sviluppo, o dal commettere il minor numero di errori possibili”.

Prima di questo week-end Schumacher era stato però più cauto, dichiarando: “Il prossimo anno potremo lottare per il podio in alcune occasioni, ma per parlare di titolo è ancora presto. Non abbiamo ancora ridotto a sufficienza il gap che ci separa dai nostri concorrenti”.

Intanto appare ormai sicuro che l’ex ferrarista sarà affiancato da un nuovo ingegnere di pista: si tratta di Mark Slade, in arrivo dalla Renault dopo aver lavorato al fianco di Vitaly Petrov (e con un lungo passato in McLaren). Slade sostituirà in questo ruolo Andy Shovlin, promosso invece a capoingegnere

Il “Kaiser” ha comunque trovato in Alain Prost un giudizio positivo sul suo rientro in F1: “Non mi aspettavo più di quello che ha fatto, so quanto può essere dura. Quello che ha realizzato Michael è già ottimo… quasi eccezionale”.


Stop&Go Communcation

Protagonista ieri alla Race of Champions di Dusseldorf, dove è stato eliminato nei quarti di finale da Sebastian Vettel, Michael […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-291110-03.jpg Michael Schumacher ottimista: “Nel 2011 penserò al titolo iridato, anche se sarà difficile”