Il “lungo” di Nico nel finale della Q3 ha causato l’esposizione delle bandiere gialle, togliendo al compagno di squadra la possibilità di lottare per la prima piazza.

Una circostanza che Lewis Hamilton fatica a mandare giù, evitando però di parlare di errore volontario: “Ricorda l’analogo episodio del 2006 tra Schumacher e Alonso, ma non voglio parlare di questo. Va bene anche così, resto rilassato e credo che abbiamo un buon passo, la nostra macchina funziona bene”.

Dal canto suo, il poleman Rosberg nega di aver sbagliato appositamente, e si gode il risultato: “Sono felice di essere in pole, anche se non è il modo con cui preferivo ottenerla. Nel finale ho sbagliato, stavo spingendo perché sapevo che Lewis stava tentando di scavalcarmi, così ho frenato tardi e sono finito lungo”.

Federico Fadda


Stop&Go Communcation

Hamilton non ha preso bene l’errore, involontario o meno, di Nico alla fine della Q3, e progetta di rifarsi in gara.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/05/Rosberg05.jpg Mercedes, la pole di Rosberg porta tensione