Gomme Pirelli, KERS, ala mobile: ci è voluto tutto questo per demolire dopo sette anni il record sul giro dell’Albert Park (lo deteneva Michael Schumacher), ma il merito è soprattutto di Sebastian Vettel e della sua Red Bull. Un binomio apparso invincibile nelle qualifiche del Gran Premio d’Australia, in cui il tedesco ha stabilito nella Q3 il mostruoso tempo di 1:23.529.

Basti pensare che Lewis Hamilton, in extremis capace di artigliare la seconda posizione, è staccato di quasi otto decimi. Il verdetto sembrava effettivamente già scontato dopo le libere di questa mattina, ma a sorpresa l’inglese si è inserito tra le vetture anglo-austriache, con Mark Webber costretto così ad accontentarsi della 3° piazza di fronte al pubblico di casa.

Dal canto suo la McLaren si propone decisamente come la seconda forza qui a Melbourne, scacciando i fantasmi emersi durante i test invernali. La MP4-26 in versione più convenzionale è senza dubbio competitiva, e Jenson Button, vincitore delle ultime edizioni della corsa, ha colto il 4° posto.

Tutt’altra musica per la Ferrari, il cui bilancio odierno è certamente al di sotto delle aspettative, a causa forse di un assetto poco indovinato. Per evitare rischi Fernando Alonso e Felipe Massa sono stati costretti a utilizzare un set aggiuntivo di gomme morbide già in Q1, con il brasiliano quasi vicino all’eliminazione. Alla fine, nella Q3, i due alfieri di Maranello hanno dovuto giocare in difesa e contenere i danni: è andata meglio allo spagnolo (5°), mentre il compagno di squadra ha chiuso 8° rimediando un testacoda appena uscito dai box, tradito dalle gomme fredde.

In mezzo a loro, un sorprendente Vitaly Petrov sulla Renault (6°) e Nico Rosberg, unico portacolori Mercedes in top ten. Nell’ultimo segmento di qualifica sono entrate pure Sauber e Toro Rosso grazie a Kamui Kobayashi e Sebastien Buemi.

Q3 solo sfiorata da Michael Schumacher (11°). La seconda frazione ha registrato un Rubens Barrichello finito immediatamente nella sabbia e uno spettacolare “360” in velocità di Adrian Sutil, avvenuto in uscita dall’ultima curva. Gomme fumanti e un grosso spavento, ma per fortuna il driver della Force India è rimasto ben lontano dai muretti.

Inaspettata l’eliminazione in Q1 di Nick Heidfeld, il quale suo malgrado fa compagnia alle solite Lotus e Virgin. Del gruppetto di coda Heikki Kovalainen è stato il più rapido davanti al nostro Jarno Trulli; Glock e D’Ambrosio tirano un sospiro di sollievo essendo rimasti all’interno del 107%.

Non è andata così per la Hispania, al culmine di un fine settimana davvero difficile per la compagine iberica. Vitantonio Liuzzi ce l’ha messa tutta (infliggendo 1″3 a Narain Karthikeyan), ma non è stato sufficiente. A meno che i commissari non concedano una deroga, entrambi non potranno partecipare alla gara di apertura della stagione 2011.

Per tutti gli altri lo start è previsto alle 17:00 locali, le 8 italiane.

Classifica

01. Sebastian Vettel – Red Bull Renault – 1:23.529
02. Lewis Hamilton – McLaren Mercedes – 1:24.307
03. Mark Webber – Red Bull Renault – 1:24.395
04. Jenson Button – McLaren Mercedes – 1:24.779
05. Fernando Alonso – Ferrari – 1:24.974
06. Vitaly Petrov – Renault – 1:25.247
07. Nico Rosberg – Mercedes – 1:25.421
08. Felipe Massa – Ferrari – 1:25.599
09. Kamui Kobayashi – Sauber Ferrari – 1:25.626
10. Sebastien Buemi – Toro Rosso Ferrari – 1:27.066

11. Michael Schumacher – Mercedes – 1:25.971
12. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – 1:26.103
13. Sergio Perez – Sauber Ferrari – 1:26.108
14. Paul Di Resta – Force India Mercedes – 1:26.739
15. Pastor Maldonado – Williams Cosworth – 1:26.768
16. Adrian Sutil – Force India Mercedes – 1:31.407
17. Rubens Barrichello – Williams Cosworth

18. Nick Heidfeld – Renault – 1:27.239
19. Heikki Kovalainen – Lotus Renault – 1:29.254
20. Jarno Trulli – Lotus Renault – 1:29.342
21. Timo Glock – Virgin Cosworth – 1:29.858
22. Jerome D’Ambrosio – Virgin Cosworth – 1:30.822

Non qualificati

23. Vitantonio Liuzzi – Hispania Cosworth – 1:32.978
24. Narain Karthikeyan – Hispania Cosworth – 1:34.293

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Gomme Pirelli, KERS, ala mobile: ci è voluto tutto questo per demolire dopo sette anni il record sul giro dell’Albert […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-260311-02.jpg Melbourne, Qualifiche: Vettel imprendibile, pole e record della pista