Tutto come da copione. Sebastian Vettel vince e convince al Gran Premio d’Australia, primo round della stagione 2011 di Formula 1. Scattato dalla pole-position, per il pilota tedesco è sembrato tutto relativamente facile, avendo ceduto il comando della gara soltanto in occasione dei pit-stop. L’unico capace di tenere il ritmo del campione del mondo in carica e della sua Red Bull è stato Lewis Hamilton (2°), scattato al suo fianco dalla prima fila.

In realtà l’inglese non ha mai rappresentato una minaccia, e nella seconda parte della corsa ha inoltre dovuto avere un occhio di riguardo in più verso la sua McLaren, per via del fondoscocca danneggiato. Il team di Woking ha in ogni caso confermato la bontà delle modifiche apportate alla propria MP4-26 dopo i deludenti riscontri dei test invernali.

È stata invece molto divertente la battaglia per il terzo gradino del podio, conquistato da un nome a sorpresa: Vitaly Petrov. Il russo ottiene un piazzamento storico, al termine di 58 giri impeccabili al volante della Renault. Petrov se l’è dovuta vedere con Fernando Alonso e Mark Webber, quarto e quinto, costretti però a un pit-stop extra (3 contro 2) a differenza dei primi tre classificati.

Lo spagnolo ha comunque dato vita ad una gara di grande spessore, riscattandosi da una partenza che lo aveva visto scivolare addirittura al 9° posto; la Ferrari ha messo in mostra un potenziale interessante sul passo, anche montando le gomme dure, rivelatesi per tutti meno efficaci. Delusione per l’australiano Webber, che sulla pista di casa ha perso terreno anche a causa di una errata gestione di pneumatici.

Proprio restando in tema, la Pirelli raccoglie una schiera di pareri positivi al ritorno sula scena iridata dopo 20 anni, scacciando tutti i dubbi circolati alla vigilia del campionato.

Domenica super anche per la Sauber, che porta entrambi i suoi giovani alfieri in zona punti. Sergio Perez (7°) ha esordito in maniera straordinaria in F1, effettuando un solo pit-stop e battendo addirittura il compagno Kamui Kobayashi. La top-ten è invece completata da Felipe Massa e Sebastien Buemi, superato di forza nel finale.

Il brasiliano era stato autore di un ottimo start, ma ha ceduto alla distanza. Davvero entusiasmante, per la cronaca, il duello in avvio con Jenson Button (6°), seppur il britannico abbia poi dovuto scontare un drive-through per un taglio di chicane nel tentativo di risolvere la bagarre.

Comincia male il cammino della Mercedes, con Nico Rosberg e Michael Schumacher. Il sette volte iridato dopo tre curve è stato tamponato da Alguersuari, patendo la foratura di un pneumatico. Dopo un lungo calvario in coda al gruppo, ha optato per l’abbandono definitivo. Rosberg navigava in top 10 quando è stato speronato da Rubens Barrichello, che con una manovra troppo azzardata ha gettato al vento una bella rimonta dal fondo, necessaria per una escursione nella ghiaia al primo giro.

Anche l’alfiere della Williams ha poi alzato bandiera bianca. Non hanno tagliato il traguardo neppure Pastor Maldonado, Heikki Kovalainen e Timo Glock, tutti per problemi tecnici. Il nostro Jarno Trulli è giunto 15° per la Lotus.

Prossimo round in programma il 10 aprile a Sepang, in Malesia.

Classifica

01. Sebastian Vettel – Red Bull Racing – 58 giri
02. Lewis Hamilton – McLaren Mercedes – +22.2
03. Vitaly Petrov – Renault – +30.5
04. Fernando Alonso – Ferrari – +31.7
05. Mark Webber – Red Bull Racing – +37.8
06. Jenson Button – McLaren Mercedes – +55.0
07. Sergio Perez – Sauber Ferrari – +1:05.2
08. Kamui Kobayashi – Sauber Ferrari – +1:16.9
09. Felipe Massa – Ferrari – +1:25.3
10. Sebastien Buemi – Toro Rosso Ferrari – a 1 giro
11. Adrian Sutil – Force India – a 1 giro
12. Paul Di Resta – Force India Mercedes – a 1 giro
13. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – a 1 giro
14. Nick Heidfeld – Renault – a 1 giro
15. Jarno Trulli – Lotus Renault – a 2 giri
16. Jerome D’Ambrosio – Virgin Cosworth – a 4 giri

Ritirati

17. Rubens Barrichello – Williams Cosworth – 52 giri
18. Timo Glock – Virgin Cosworth – 30 giri
19. Nico Rosberg – Mercedes – 22 giri
20. Michael Schumacher – Mercedes – 21 giri
21. Heikki Kovalainen – Lotus Renault – 21 giri
22. Pastor Maldonado – Williams Cosworth – 9 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Tutto come da copione. Sebastian Vettel vince e convince al Gran Premio d’Australia, primo round della stagione 2011 di Formula […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-270311-01.jpg Melbourne, Gara: Vettel domina, a podio Hamilton e Petrov. Alonso 4°