Dopo la vittoria in Bahrain, Fernando Alonso ha dato sicuramente un'altra dimostrazione di forza a Melbourne. Protagonista di uno start negativo, lo spagnolo è incappato in un testacoda alla prima curva, toccandosi con Button e Schumacher. Lo spagnolo, ultimo, si è prodigato in una bella rimonta che l'ha condotto fino alla quarta piazza, a ridosso del podio.

"Sono contento. Finendo quarti abbiamo aumentato il vantaggio su diversi dei nostri avversari diretti. Ci siamo riusciti grazie alla strategia: la macchina era perfetta e siamo stati in grado di fare un lunghissimo stint con le gomme morbide", dichiara l'alfiere dellla Ferrari. "Passando Felipe forse avrei potuto fare ancora meglio, ma sappiamo che è molto difficile sorpassare in F1 e fra compagni non bisogna prendere rischi inutili. Se fossimo riusciti a scavalcare Kubica la storia avrebbe potuto essere diversa ma non è stato possibile, anzi, abbiamo dovuto difenderci da Hamilton e Webber, che avevano pneumatici più freschi. Ora immagino che non si parlerà più per un po' di gare noiose!".

Soddisfatto anche Nico Rosberg, quinto come a Sakhir, capace di raccogliere punti preziosi per la Mercedes. Il tedesco ha dichiarato: "Il quinto posto è positivo dopo la movimentata corsa di oggi. Sul bagnato sono partito male e dopo mi sono trovato in difficoltà. Non avevo il ritmo giusto e le gomme morbide si stavano usurando parecchio, così abbiamo optato per un secondo pit-stop, cercando di avvicinarci ai primi più facilmente. In ogni caso sorpassare sarebbe stato complicato, è andata bene aver guadagnato due posizioni per il contatto fra Webber e Hamilton. In generale è stato un buon week-end, dobbiamo continuare a prendere punti mentre sviluppiamo la macchina".

Ha dato spettacolo Lewis Hamilton (6°), come Alonso autore di tanti sorpassi. L'inglese al penultimo giro è stato però speronato da Mark Webber, proprio mentre stava per superare il ferrarista. "È stata probabilmente una delle migliori gare della mia vita, anche se forse la decisione di effettuare un secondo pit-stop non è stata quella giusta", evidenzia il driver della McLaren. "Sono deluso per esser stato speronato da Webber, ma apprezzo il fatto che si sia scusato dopo l'arrivo. Queste sono le corse, non sempre tutto va come vorremmo. Sono contento del lavoro fatto, ce l'ho messa tutta e la macchina si comportava bene. Magari avremmo potuto fare doppietta con Jenson, ma chi lo può dire… lui di sicuro è stato bravissimo, e io continuerò a lottare".

Proprio Webber (9°) di fronte al pubblico di casa sperava di ottenere qualcosa di importante, dopo la prima fila in qualifica, ma tanti episodi hanno estromesso l'australiano dalle posizioni che contano. "In partenza ho fatto pattinare le gomme, ma ero comunque terzo e dopo la safety-car le cose stavano andando bene. Avrei voluto mettere le slick assieme a Sebastian, ma come norma in queste situazioni, essendo lui davanti, ho dovuto aspettare un giro in più e questo mi è costato parecchio tempo", spiega. "Sapevo a quel punto di dover guadagnare terreno in pista. Nel finale avevamo preso i leader, ma c'è stato l'incidente con Lewis e me ne scuso. Mi sono trovato senza carico quando mi sono avvicinato a lui, la macchina è andata dritta e l'ho colpito. Non sono felice del sesto posto, volevo il podio, ma purtroppo è stata una domenica difficile per il team. In ogni caso ci rifaremo sotto".

Deluso Michael Schumacher, costretto a rimontare dal fondo per il contatto con Alonso di cui è stato vittima incolpevole, in cui ha rimediato la rottura dell'ala anteriore. Il sette volte iridato, non senza fatica, ha però chiuso 10°, conquistando l'ultima lunghezza disponibile. "Poteva essere una bella gara oggi, è un peccato essere stato colpito già allo start. Precipitando in fondo tutto era compromesso ovviamente, ma sono cose che succedono", commenta Schumacher. "Devo però ammettere di essermi divertito, il ritmo era buono e in certi frangenti eravamo più veloci del gruppo di testa. Abbiamo ottenuto un punto e siamo fiduciosi in vista del prossimo GP".

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Dopo la vittoria in Bahrain, Fernando Alonso ha dato sicuramente un'altra dimostrazione di forza a Melbourne. Protagonista di uno start […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-280310-02.jpg Melbourne, Day 3: Tanti sorpassi per Alonso e Hamilton. Delusione per Webber, punti per gli alfieri Mercedes