I due team risultati più competitivi in Bahrain, Ferrari e Red Bull, non si sono troppo scoperti nella prima giornata del Gran Premio d'Australia, lavorando soprattutto in vista della gara. Questo è apparso evidente soprattutto nel pomeriggio, quando la coppia di Maranello e Sebastian Vettel hanno concluso nelle retrovie girando con tanto carburante. Al mattino era stato invece Mark Webber a chiudere 14°.

Il traffico e le condizioni meteo instabili nella seconda sessione hanno ulteriormente mescolato le carte, come sottolinea Felipe Massa. "È stato un venerdì difficile, soprattutto nella seconda sessione. A causa della pioggia che andava e veniva non siamo riusciti a fare esattamente quello che volevamo. Ci siamo concentrati sulla preparazione della gara mentre magari altre squadre hanno svolto programmi diversi dal nostro: per questo è inutile cercare di capire la situazione soltanto guardando la classifica", commenta il brasiliano. "Il nostro obiettivo domani è quello di preparare bene le qualifiche, che su questo tracciato saranno ancora più determinanti del solito. Per quello che abbiamo visto non c’è un grande degrado delle gomme ma è ancora un po' presto per trarre una conclusione definitiva".

Tempi e chilometraggi sostanzialmente simili per il compagno Fernando Alonso, apparso ottimista. "Tutto sommato, sono abbastanza contento del lavoro che siamo riusciti a fare oggi, nonostante la pioggia caduta nella seconda sessione. Certo avremmo voluto valutare più in profondità il comportamento delle gomme, soprattutto di quelle più morbide. Abbiamo lavorato esclusivamente in funzione della gara di domenica, ecco perché non mi preoccupa la posizione in classifica. Di solito su questo tracciato il venerdì la pista è molto sporca ma stavolta il livello di aderenza sul primo giro non era poi tanto male. In gara sarà determinante la gestione delle gomme, e bisognerà cercare di sfruttarle nella maniera migliore".

Appuntamento importante per Mark Webber, che qui all'Albert Park è l'idolo di casa. L'australiano ha chiuso 3° nel pomeriggio. "Non è andata male oggi, anche se la pioggia intermittente ha rovinato i piani di tutti. Questo meteo ballerino è una sorta di incubo, perché non sai mai se lavorare in funzione dell'asciutto o del bagnato. In ogni caso abbiamo raccolto un po' di informazioni che analizzeremo in serata".

Sebastian Vettel sembra un po' meno felice del bilancio odierno, rammaricandosi per l'errore commesso nel finale, ma ha fiducia nel potenziale espresso dalla Red Bull. "Verso la fine della seconda sessione sono incappato in un fuoripista… è stata colpa mia, ho frenato quando ero troppo all'esterno del nastro d'asfalto. Sono cose che capitano, del resto le prove sono fatte apposta", confessa il tedesco. "In ogni caso la vettura dà buone sensazioni e Mark ha dimostrato che siamo lì. Il distacco fra i team di vertice sembra molto ridotto".


Stop&Go Communcation

I due team risultati più competitivi in Bahrain, Ferrari e Red Bull, non si sono troppo scoperti nella prima giornata […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-260310-03.jpg Melbourne, Day 1: La Ferrari si concentra sulla gara, buoni dati raccolti dagli alfieri della Red Bull