Una gara straordinaria per il campione del mondo in carica che, partendo dalla diciottesima posizione, è riuscito a concludere una gara maestosa sul gradino più basso del podio, in seguito alla penalizzazione di 25 secondi dell’italiano Iarno Trulli, accusato di aver superato Hamilton in regime di safety car. Un finale di weekend incredibile considerando le premesse con cui la McLaren si prestava ad affrontare il primo GP della nuova era della F1. 

 

Stato d’animo contrario invece per il compagno di scuderia Heikki Kovalainen che, in seguito alla rottura della sospensione anteriore sinistra causatogli dall’incidente avvenuto alla prima curva, non è riuscito a vedere la linea del traguardo neanche una volta. Delusione espressa pienamente da Norbert Haug: “E’ stato un vero peccato per Heikki. Se non ci fosse stato quell’incidente alla prima curva, di cui non ha nessuna colpa, avrebbe potuto sicuramente portare a casa un ottimo piazzamento in una gara così movimentata”.

La gara di Lewis è stata semplicemente perfetta. Grazie alle mescole morbide e all’incidente di gruppo che ha coinvolto quattro vetture alla prima curva, l’anglo-caraibico si è portato fino all’ottava posizione prima di andare ai box nell’undicesima tornata.  Le mescole dure installate al pit gli hanno permesso di compiere un secondo stint molto lungo, nel quale è riuscito a conquistare la quinta piazza. All’inizio del quarantatreesimo giro Hamilton si è fermato per la seconda sosta. Tornato in pista nuovamente con gomme dure, è riuscito a superare senza problemi Nico Rosberg, in crisi con le morbide, e successivamente anche Iarno Trulli. Il pilota della Toyota è stato sopravanzato in seguito ad un'uscita di pista nel T3 costatagli circa 4 secondi, quando mancavano pochissimi chilometri alla bandiera a scacchi. Il giro successivo, in regime di safety car, Trulli si è ripreso la terza posizione, supponendo che il driver McLaren l’avesse superato irregolarmente. Il GP, conclusosi dietro la vettura di sicurezza, sanciva Button primo, Barrichello secondo e Trulli terzo; tuttavia i commissari di gara hanno penalizzato la manovra avventata di Iarno con un’aggiunta di 25 secondi sul tempo complessivo di gara. Queste le parole piene di entusiasmo del britannico: “Abbiamo ottenuto più punti di quanti ci aspettassimo. Io correvo per ottenere un misero punticino e invece ne ho conquistati ben sei. Di sicuro non ci siamo dimenticati come vincere: la strategia non presentava nessuna sbavatura e il team ha fatto un lavoro egregio. Considerando il pacchetto che abbiamo portato qui a Melbourne, posso concludere di aver fatto una delle gare più belle di sempre e ciò mi soddisfa completamente. Congratulazioni a Jenson che ha guidato ottimamente per tutto il weekend ed ha ottenuto una vittoria che il suo team senza dubbio merita”. Complimenti a Hamilton arrivano invece dal suo team principal, Martin Whitmarsh, sempre più convinto delle qualità del giovanissimo campione del mondo: “Oggi c’è stata una vera dimostrazione di forza da parte di Lewis. La macchina non era per niente competitiva, ma il nostro lavoro e la bravura del pilota sono stati premiati nel migliore dei modi”.

 

Francesco Parrotta


Stop&Go Communcation

Una gara straordinaria per il campione del mondo in carica che, partendo dalla diciottesima posizione, è riuscito a concludere una […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/hamilton%20mclaren.jpg Melbourne – Report McLaren: Un podio inaspettato per il campione del mondo