La notizia del rinnovo di Mark Webber alla corte della Red Bull nella giornata di ieri ha sicuramente lasciato spiazzati molti tifosi e anche diversi addetti ai lavori. La reazione è stata dovuta non per la scelta fatta, nonostante le voci che davano l’australiano in procinto di passare alla Ferrari, ma soprattutto le tempistiche, dal momento che l’accordo, a differenza dell’anno passato, è giunto a inizio estate.

Per Webber la scelta è stata logica, per il progetto e per questioni pure di legame: “Bene, siamo passati assieme attraverso molte cose qui – ha raccontato – Siamo andati dai giorni nei quali la Red Bull non possedeva ancora un team a quel che è adesso. La squadra è davvero cambiata da quando è cominciata a diventare di successo, in termini di ottenimento del giusto bilanciamento fra l’essere estremamente professionale su tutti i fronti al mantenere quell’attitudine approcciabile e alla mano che la scuderia possiede ancora fra le sue ragioni. Ora è una gran bella famiglia sotto molti e siamo cresciuti molto. Siamo passati su un lungo cammino e penso sia chiaro di come mi senta bene qui ed è quello che mi piace per l’appunto”.

Il pilota della Red Bull poi ha parlato del suo rapporto con Sebastian Vettel: “È molto buono – ha affermato – Ovviamente con Seb stiamo lavorando molto da vicino da molto tempo a questa parte ora. Ritengo che nessuno avrebbe davvero immaginato quanto tempo avessimo potuto lavorare assieme, quindi quella è stata probabilmente un po’ una sorpresa. Non ci sono molti compagni che stanno assieme così a lungo in Formula 1, ma abbiamo dimostrato di essere una coppia di successo dal momento che entrambi lavoriamo molto duramente con i membri tecnici chiave del team. È stata un’operazione potente. Siamo ancora competitivi quando mordiamo l’asfalto, nessuna discussione su ciò, specialmente nel 2010 e quest’anno”.

Questa rivalità dunque fa bene a Mark e a tutta la scuderia: “Lo scorso anno non c’è stata molta battaglia fra me e Sebastian, ma nel 2009, nel 2010 e quest’anno, ci sono state alcune grandi sfide – ha messo infine in luce – Ciò è stato godibile per il team,  qualche volta anche troppo stressante perché non è facile per entrambi essere al vertice e posso comprendere ciò, siccome ciascuno di noi pensa a se stesso a volte, ma alla fine sappiamo di dover portare la macchina a casa e ottenere i migliori risultati per noi e per la scuderia”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

La notizia del rinnovo di Mark Webber alla corte della Red Bull nella giornata di ieri ha sicuramente lasciato spiazzati […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/f1-110712-webber.jpg Mark Webber spiega i motivi del rinnovo con la Red Bull: “Siamo una gran famiglia”