Una stagione vissuta all’ombra del compagno di squadra nonché dominatore della stagione, il tedesco Sebastien Vettel: questo è il destino che si è prospettato sin dall’avvio in Australia per Mark Webber. L’alfiere della Red Bull dunque deve accontentarsi delle briciole ed in una giornata nella quale il leader si piazza 10°, allora prende l’occasione al volo e conclude la prima giornata di prove libere del GP del Belgio davanti a tutti.

L’australiano ha spiegato l’andamento della giornata: “Il meteo è stato una sorta di su e giù nella giornata odierna – ha affermato ai media – Abbiamo avuto qualche giro sull’asciutto, ma solo circa quattro tornate: due giri sulle gomme soft e due sulle medium. Altrimenti stavamo facendo solo pulizia generale, guardando alle altezze da terra, al bilanciamento dei freni e tutto il resto prima di riuscire a portare la vettura al limite”.

Webber sottolinea come sia necessario compiere altro lavoro: ”Abbiamo bisogno di uscire in pista per effettuare un certo chilometraggio, ma dall’altra faccia della medaglia dobbiamo preservare coperture per sabato e domenica – ha continuato nella disamina – I cordoli sono gli elementi più difficili qui quando è bagnato, rende le linee bianche come ghiaccio ed è molto facile fare errori”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Una stagione vissuta all’ombra del compagno di squadra nonché dominatore della stagione, il tedesco Sebastien Vettel: questo è il destino […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/f1-260811-webber.jpg Mark Webber, 1° dopo le libere: “I cordoli bagnati sono molto insidiosi”