Il capolavoro di Vettel è compiuto: dopo la pole position di ieri, la Ferrari torna sul tetto della Formula 1 con una domenica stellare, trionfando a Singapore.

Vettel, assoluto maestro di questa pista, vince nelle stradine di Singapore per la quarta volta in carriera: sopratutto, però, è la Ferrari a festeggiare il primo doppio podio dell’anno, con Raikkonen ottimo terzo alle spalle di Daniel Ricciardo.

L’australiano, che partiva secondo, ha ampiamente meritato la medaglia d’argento con una gara straordinaria che non ha mai allentato la pressione sul leader e, contemporaneamente, tolto ogni chance a Raikkonen di recuperarlo.

Ma oltre al ritmo forsennato, il GP di Singapore è stato un autentico travaglio per i tre di testa: tante safety car, addirittura un’invasione di pista, hanno costantemente annullato i distacchi minacciando costantemente di rimescolare le carte nella lotta per il podio.

Il ritorno della Ferrari non fa notizia da solo: ha del clamoroso anche la caduta dal trono della Mercedes, con Rosberg che chiude la gara in quarta posizione ed Hamilton che è costretto al ritiro dopo aver perso potenza sulla sua power unit. Un “colpo” alla classifica mondiale, che vede ancora le Ferrari distanti quarantanove punti dall’inglese, ma con Rosberg sempre di più alla portata e tanti dubbi sull’affidabilità che le frecce d’argento potranno mettere in pista nelle ultime sei gare della stagione.

Intanto c’è da segnalare anche il rientro nelle zone alte della classifica di Raikkonen, complice anche la difficile gara di Felipe Massa, costretto oggi al ritiro. La giornata della Williams viene salvata da Bottas, quinto davanti alla seconda Red Bull di Kvyat, sfortunatissimo con il timing delle Safety Car.

Tiene il settimo posto Sergio Perez, con l’unica Force India al traguardo dopo l’incidente di Nico Hulkenberg. Il vincitore della 24h di LeMans ha colpevolmente sportellato Massa mentre il brasiliano usciva dalla sua prima sosta ai box, avendo la peggio e finendo contro le barriere. Già comminata la penalità per il tedesco, che perderà tre posizioni sulla griglia di partenza del GP del Giappone.

Spettacolare, ma con un piccolo giallo finale, anche la gara delle Toro Rosso: ottavo Verstappen, nono Sainz, con l’olandese che era rimasto fermo sulla griglia alla partenza e si è reso protagonista di una rimonta da applausi. Negli ultimi giri, però, il team ha chiesto al giovane Max di concedere il diritto di posizione al compagno di squadra, ma invano.

I due hanno comunque tenuto dietro la Sauber di Nasr, bravissimo a superare Grosjean nel finale insieme al compagno di squadra Ericsson. Il francese si è poi ritirato per problemi tecnici, lasciando la posizione al compagno di squadra Maldonado.

Arrivano al traguardo anche le Manor, con Rossi che chiude il suo GP d’esordio davanti al compagno di squadra Stevens.

Tra i vari piloti ritirati, meritano un discorso a parte i due McLaren-Honda: entrambi ai margini della zona punti, in grado di sfiorarne l’idea durante il week-end, ed entrambi ritirati per problemi tecnici nella seconda metà di gara. Prosegue così il momento nero della squadra anglo-giapponese, che si prepara alla sua gara di casa nel peggiore dei modi.

La Formula 1 tornerà in pista tra soli cinque giorni: venerdì prossimo, infatti, al via le prove libere per il Gran Premio del Giappone.

GP Singapore, Gara – Classifica:
1. Sebastian Vettel – Ferrari
2. Daniel Ricciardo – Red Bull/Renault – +1.478
3. Kimi Raikkonen – Ferrari – +17.154
4. Nico Rosberg – Mercedes – +24.720
5. Valtteri Bottas – Williams/Mercedes – +34.204
6. Daniil Kvyat – Red Bull/Renault – +35.508
7. Sergio Perez – Force India/Mercedes – +50.836
8. Max Verstappen – Toro Rosso/Renault – +51.450
9. Carlos Sainz – Toro Rosso/Renault – +52.860
10. Felipe Nasr – Sauber/Ferrari – +1:30.045
11. Marcus Ericsson – Sauber/Ferrari – +1:37.507
12. Pastor Maldonado – Lotus/Mercedes – +1:37.718
13. Romain Grosjean – Lotus/Mercedes – Ritirato al giro 60
14. Alexander Rossi – Marussia/Ferrari – 2 Giri
15. Will Stevens – Marussia/Ferrari – 2 Giri

Ritirati
Jenson Button – McLaren/Honda – Cambio
Fernando Alonso – McLaren/Honda – Tecnico
Lewis Hamilton – Mercedes – Motore
Felipe Massa – Williams/Mercedes – Motore
Nico Hulkenberg – Force India/Mercedes – Incidente

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Il capolavoro di Vettel è compiuto: dopo la pole position di ieri, la Ferrari torna sul tetto della Formula 1 con una domenica stellare, trionfando a Singapore.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/09/sin_2015_gara_vettel.jpg Marina Bay, Gara: Vettel trionfa, Hamilton si ritira