La Ferrari nel corso della prima parte di questa stagione ha deluso le aspettative della maggior parte degli addetti ai lavori, incapace di riuscire a contrastare in varie circostanze lo strapotere della Red Bull. Le colpe sono state rivolte soprattutto all’incompatibilità dei test in galleria del vento con i dati effettivamente riscontrati in pista.

Tuttavia ogni reparto necessita di crescere e Luca Marmorini, Direttore Motori ed Elettronica della Ferrari, evidenzia alcuni aspetti: “Il KERS è molto importante e un suo buon utilizzo può darti un vantaggio di circa quattro decimi al giro – ha raccontato ai media – Quando ci si trova in una fase di sorpasso non cambia però molto la situazione: non basta una spinta di 80 cavalli per un massimo di sei secondi per superare una vettura che ci si trova davanti. La combinazione fra KERS e DRS ha invece dimostrato di creare le condizioni per i sorpassi”.

Marmorini poi sottolinea anche l’importanza del propulsore: “Ogni motore è ormai progettato per completare almeno tre gare, anche se si possono gestire le unità per due o quattro weekend nell’ambito di una strategia complessiva – ha continuato nell’analisi – Per quanto ci riguarda, il calo di prestazione fra il primo e il terzo Gran Premio è molto basso, il che è dovuto anche al lavoro che facciamo insieme al nostro partner tecnico Shell sul fronte della benzina e dei lubrificanti”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

La Ferrari nel corso della prima parte di questa stagione ha deluso le aspettative della maggior parte degli addetti ai […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-080611-marmorini-canada.jpg Luca Marmorini è fiducioso del KERS e del motore Ferrari