Dopo l’esclusione dal calendario 2014, l’India si sarebbe già mossa per riavere la F1 nel Buddh International Circuit.

Il problema di fondo risiedeva nell’elevato costo dei dazi doganali, che ha creato un malcontento diffuso all’interno del Circus, abituato a spendere molto meno per i trasporti logistici; lo stato però starebbe reagendo.

Il Dipartimento del Commercio Estero, infatti, ha confermato che si lavora per abbattere le spese doganali in modo da accrescere il numero di eventi internazionali.

“La corsa è fondamentale per lo sviluppo automobilistico” ha commentato al Tmes of India Sameer Gaur, boss della Jaypee. “Stiamo lottando per diminuire i costi logistici delle squadre, così ci garantiremo di nuovo il GP”.

Andrea Giustini


Stop&Go Communcation

Dopo l’esclusione dal calendario 2014, l’India si sarebbe già mossa per riavere la F1 nel Buddh International Circuit. Il problema […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/01/Ind_Butt-1024x682.jpg L’India prepara il ritorno in F1